Emozioni e qualche lacrima L'abbraccio dei 700 a Zingonia

Emozioni e qualche lacrima L'abbraccio dei 700 a Zingonia
Atalanta 02 Settembre 2018 ore 11:03

È successo ancora. Già da venerdì girava voce che qualcosa sarebbe stato fatto, ma nessuno poteva pensare a una roba simile. Intensa, commossa, sentita e condivisa da tutti con grandissimo trasporto e una voglia di passare oltre che è tipica dell’Atalanta e della sua gente. Dopo la conferenza stampa delle 13.30, mister Gasperini e i suoi ragazzi si sono preparati per la rifinitura del pomeriggio sul campo centrale di Zingonia ma prima di iniziare il lavoro è andato in scena un grande abbraccio collettivo con i tifosi.

8 foto Sfoglia la gallery

L’appuntamento era per le 15 al Centro Bortolotti, mentre per le 15.30 sarebbe dovuto iniziare un momento breve ma intenso in cui caricare la squadra in vista della stagione. Non è una novità, gli ultras ogni volta che parte una nuova annata calcistica fanno sentire la loro vicinanza ai ragazzi che hanno l’onore di giocare a pallone in giro per l’Italia e per l’Europa con i colori nerazzurri addosso. Le ultime vicende, tuttavia, hanno reso questo appuntamento molto particolare e il tam-tam che si è scatenato via sms e WhatsApp ha fatto aumentare considerevolmente il numero dei presenti. Chi c’era racconta di almeno seicento, settecento presenze; alle 15 passate il viale che scorre davanti all’ingresso del centro di allenamento nerazzurro era pieno zeppo di gente e la risposta del popolo nerazzurro è stata ancora una volta enorme. I tifosi sono stati fatti entrare nella tribuna di uno dei campi sintetici esterni e la squadra è arrivata poco dopo tra applausi e i cori che hanno squarciato il silenzio di un tranquillo sabato pomeriggio zingoniano.

 

 

Quello che è stato detto è giusto che resti in quei pochi metri che separavano l’Atalanta dalla sua gente. I tifosi hanno inondato i giocatori d’affetto e di sostegno, qualcuno del gruppo ha versato addirittura qualche lacrima e tutti i giocatori erano visibilmente emozionati. C’erano tutti, compreso Ilicic. Dopo la carica dei tifosi, hanno parlato Gasperini e il presidente Antonio Percassi. Tutti colpiti, tutti coinvolti da una manifestazione d’affetto splendidamente vera. Autentica. Sentita. Da questa sera inizia un’altra stagione, c’è la volontà comune di guardare avanti e di passare oltre per lanciarsi alla conquista di nuovi traguardi e di nuove soddisfazioni. Rivogliamo tutti l’Europa, per agguantarla bisogna avere pazienza e giocare a pallone. Con Rigoni o Gomez, con Barrow o Zapata, con Freuler o Pessina, con Gosens o Adnan. Non importa con chi, in panchina c’è il Gasp e al timone i Percassi. Abbiamo un percorso da fare, un passo alla volta verso il prossimo sogno. Camminiamo insieme, da Zingonia è arrivato questo bellissimo messaggio e chi ci crede davvero non può tirarsi indietro. Siamo l’Atalanta, siamo una cosa sola.