Atalanta
Baluardi

Erano fuori tutti, adesso sono tornati e l'Atalanta ha trovato una difesa di alto livello

Davanti a Musso, con la Juventus è scesa in campo tutta la truppa dei titolarissimi, dall'inizio o a gara in corso: la risposta è stata super

Erano fuori tutti, adesso sono tornati e l'Atalanta ha trovato una difesa di alto livello
Atalanta 29 Novembre 2021 ore 09:30

di Fabio Gennari

Al 46' di Sampdoria-Atalanta, inizio del secondo tempo, la difesa nerazzurra era formata da Lovato, Scalvini e de Roon. Tutti gli altri difensori di ruolo erano fermi per infortunio e Gasperini ha dovuto scavare a fondo in panchina per trovare una soluzione. Oggi l'emergenza è finita, sono tutti a disposizione e c'è davvero da essere fiduciosi e contenti: Toloi, Palomino, Djimsiti e Demiral formano un pacchetto arretrato davvero di grande rispetto.

Alla lettura delle formazioni di Juventus-Atalanta, lo stupore è stato grande: ma come, il miglior difensore del momento (Palomino) in panchina e quello che a Berna ha convinto meno (Demiral) dentro dall'inizio? Ancora una volta ha avuto ragione Gasperini: la prestazione del turco è stata superlativa e l'ingresso finale del Tucumano ha dato un grande aiuto nel momento in cui la Juventus si pensava potesse accelerare alla ricerca del pari.

Toloi e Djimsiti sono due certezze granitiche per il Gasp. Il primo ha salvato su Chiesa nel primo tempo l'unica azione in profondità degna di nota degli avversari, mentre il secondo si è messo in mostra su McKennie, quando serviva un anticipo in piena area poco prima del calcio in porta. Tutti e due, sia fisicamente che soprattutto tecnicamente, sono stati quasi perfetti e il gol di Zapata lo conferma: quell'anticipo di Djimsiti sul passaggio di Morata per Dybala è studiato nei minimi particolari.

Le prossime sfide saranno ancora una volta toste, sia sul piano mentale che atletico. Mentalmente, non è la stessa cosa affrontare il Venezia o il Napoli, ma i punti in palio sono sempre tre e le grandi squadre non fanno differenza. E ancora, tra Napoli e Villarreal i margini di errore sono estremamente diversi, perché in campionato c'è più tempo mentre in Champions siamo al dentro o fuori. Poi ci saranno il Verona, la Roma e il Genoa, per un dicembre da cuori forti. Noi abbiamo una super difesa, Musso compreso: calma e gesso che ce la giochiamo con tutti.