Pochi intimi, tanti sorrisi

Euro 2020 e Copa America, tanti atalantini ancora in campo: il ritiro partirà in sordina

Gasperini avrà pochissimi elementi della prima squadra a disposizione il 12 luglio, anomalia comune a chi ha tanti nazionali

Euro 2020 e Copa America, tanti atalantini ancora in campo: il ritiro partirà in sordina
Atalanta 29 Giugno 2021 ore 09:45

di Fabio Gennari

Rosa alla mano e senza nuovi innesti (per ora), l'Atalanta di Gasperini rischia di iniziare il raduno del prossimo 12 luglio con i ranghi ridotti. A oggi, per  Gasperini c'è la certezza di avere al Centro Bortolotti solo i portieri Sportiello e Rossi e i difensori Djimsiti e Palomino. La lista dei convocabili per l'avvio della preparazione comprende in verità anche Hateboer, Iicic, Sutalo, Lammers, Kovalenko, Ruggeri e Gollini, ma, a parte forse l'olandese, tutti questi elementi hanno la valigia in mano.

Si tratta dello scotto da pagare quando hai giocatori forti che sono impegnati con le rispettive nazionali. In attesa di Inghilterra-Germania e Svezia-Ucraina, tra Europa e Sudamerica ci sono ancora in gioco Pessina, Toloi, Maehle, Freuler, Gosens, Malinovskyi, Romero, Zapata e Muriel. Il tedesco e l'ucraino potrebbero uscire stasera oppure andare avanti nella competizione, in caso di eliminazione inizierebbero anche loro le vacanze come Miranchuk, Pasalic e de Roon, ma comunque saranno a Zingonia indicativamente intorno al 19 luglio.

Se per il programma di lavoro di Gasperini questo ritardo può creare qualche fastidio in più (ma non troppi), la consapevolezza con cui torneranno a Bergamo i calciatori protagonisti nelle due rassegne internazionali in corso vale già come un ulteriore nuovo acquisto. Nella prima settimana di lavoro è probabile che ci siano diversi giocatori di rientro dai prestiti aggregati al gruppo, dal punto di vista tecnico e tattico non c'è poi molto da valutare visto che ripartiranno tutti, ma come inizio può comunque essere una soluzione.

Ironia della sorte, anche volendo pescare nella Primavera di Brambilla non si troverebbero giocatori molto riposati. Domani sera (30 giugno), infatti, la squadra delle giovani promesse atalantine si giocherà lo scudetto sul campo dello stadio Ricci di Sassuolo contro l'Empoli (fischio d'inizio alle 18) e dunque il rompete le righe (speriamo con il Tricolore ancora sul petto) scatterà l'1 luglio. Chiaramente, se chiama Gasperini le ferie possono attendere, ma è evidentemente un'Atalanta che va sempre di corsa. In Italia, in Europa e nel mondo.