«Gasp a vita», parola di Pres E i primi nomi dal mercato

«Gasp a vita», parola di Pres E i primi nomi dal mercato
Atalanta 22 Maggio 2018 ore 10:43

Le prime voci di mercato ma, soprattutto, la presenza del presidente Antonio Percassi a BergamoTv per la classica chiacchierata di fine stagione. È stato un lunedì frizzante in casa Atalanta, dopo la chiusura del campionato domenica a Cagliari sono iniziati i tanti spifferi su possibili arrivi e partenze nella settimana in cui dovrebbe andare in scena (mercoledì a Zingonia?) un nuovo incontro tra mister Gasperini e i dirigenti per le prossime mosse.

 

 

Percassi in tv: «A vita con Gasperini». Il numero uno atalantino non si è sbottonato con dichiarazioni particolarmente roboanti. Ha predicato umiltà, ha parlato di salvezza come base di ogni ragionamento, ma, sollecitato dalle domande dei presenti, ha anche confermato come il vento a Bergamo sia cambiato: «Vogliamo fare una squadra ancora più forte, sarà difficile e siamo l’Atalanta quindi bisogna sempre rimanere nei paletti che ci siamo prefissati stando attenti al bilancio, ma è chiaro che la nostra società punti sempre a crescere. Con Gasperini il vento è cambiato». A proposito del mister, dopo settimane di tira e molla sulla sua permanenza alimentato soprattutto da alcuni media, il presidente è stato limpido come acqua di sorgente: «Resta a Bergamo, nessun dubbio. E vorremmo pure allungare il contratto che scade tra tre anni. Vorremmo diventasse ancora meglio di quello che è stato Wenger per l’Arsenal, il suo lavoro è straordinario e la crescita della squadra è sotto gli occhi di tutti. La società cerca di operare per migliorare la rosa, lui ogni giorno costruisce qualcosa di incredibile e i risultati si vedono».

Strutture, squadra B e rosa: le certezze del Pres. Il numero uno orobico ha cercato di rispondere un po’ a tutti gli argomenti proposti e le sue parole sono state molto chiare: «Tra Zingonia e ristrutturazione dello stadio abbiamo in programma un investimento da cinquanta milioni di euro nei prossimi tre anni. Il centro sportivo è un fiore all’occhiello ma anche lo stadio diventerà qualcosa di molto bello: in Europa abbiamo visto impianti pazzeschi, in piccolo cercheremo di costruire il nostro e abbiamo tante belle idee. Il progetto è quasi definito, si parte a maggio 2019 con i lavori». Spostando il tiro sull’ambito tecnico, ecco le conferme su squadra B e rosa futura: «La squadra B è qualcosa per cui ci siamo spesi anche noi con forza, vorremmo iscriverla e il progetto è quella di farla giocare a Bergamo nel nostro stadio. Sulla rosa dell’anno prossimo ribadisco che vogliamo migliorare: ci sono tanti obiettivi, abbiamo le idee chiare e adesso con il mister faremo il punto prima di concretizzare con i giocatori che ormai seguiamo da un po’. Gasperini che li allena e Sartori che li scova con il coordinamento di mio figlio Luca e di tutto lo staff dirigenziale è la formula giusta».

 

 

Mercato: Brignola e Soriano i primi nomi. Se il presidente si è limitato a definire molto interessanti alcuni dei nomi proposti (Iago Falque, Mandragora e Laxalt su tutti), gli spifferi di mercato circolati nella giornata di ieri raccontano di un interesse della Dea per Brignola del Benevento e Soriano del Villareal. Il primo, classe 1999, sarebbe un investimento per il futuro a completamento del pacchetto avanzato, mentre il secondo, ex Sampdoria e classe 1991, ha ormai alle spalle una buonissima esperienza e cerca il rilancio dopo una stagione abbastanza deludente al Villareal. In questa fase della stagione è chiaro come da ogni angolo del mercato spuntino voci più o meno attendibili (Kalinic dal Milan, ad esempio, l’ha rilanciata Sky Sport ma non ci sono grandi riscontri), ma è certo che l’Atalanta è in fermento e tutto si basa su alcune certezze che lo stesso Percassi ha confermato in tv. Ilicic non si muove, Cristante piace a tutti e le operazioni verranno fatte di concerto tra società e allenatore per sistemare quelle zone di campo in cui manca qualcosa: l’esterno sinistro, il vice Cristante e la punta centrale sono gli obiettivi principali di una Dea che anche l’anno prossimo cercherà di giocare nei gironi di Europa League superando i preliminari estivi.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli