La vigilia della partita

Gasperini suona la carica per la sfida al Lecce, ma non convoca Djimsiti

Gasperini suona la carica per la sfida al Lecce, ma non convoca Djimsiti
Bergamo, 29 Febbraio 2020 ore 15:18

di Andrea Licenziato

Piove sul bagnato in casa Atalanta: il difensore albanese Djimsiti non è stato convocato per la trasferta di Lecce. Per la gara di domani, 1 marzo, il tecnico Gian Piero Gasperini dovrà rinunciare anche al numero 19 nerazzurro, oltre che all’infortunato Toloi. Doppia tegola per l’allenatore di Grugliasco, che al loro posto ha convocato Bellanova e Okoli.

Alla vigilia della sfida, il mister atalantino Gasperini ha anche parlato (ai microfoni di atalanta.it essendo stata cancellata la conferenza stampa per l’allerta Coronavirus) di come arriva la sua formazione al match del Via Del Mare: «È stata una settimana particolare, diversa da tutte le altre. Ci siamo sempre allenati prestando attenzione alle notizie. Sappiamo che questa situazione si può risolvere, ma è una cosa lunga. Siamo pronti a giocare, anche se ci sarà un clima di incertezza. Le uniche due defezioni saranno Toloi e Djimsiti: il primo sapevamo già che non poteva scendere in campo, mentre Djimsiti speravamo di poterlo recuperare in extremis. Non è andata così».

«Il Lecce è una squadra che è cresciuta nel corso della stagione. A parte nella sconfitta di domenica scorsa a Roma, hanno ottenuto diversi risultati importanti per la loro classifica. Importante anche il modo in cui li hanno ottenuti. A gennaio si sono rinforzati, sarà una partita difficile contro una squadra che ha bisogno di punti per salvarsi».

Sulla classifica dell’Atalanta, Gasperini ha caricato l’ambiente: «Nessuno ha voglia di sbagliare, il campionato ha i suoi equilibri e ogni partita che vinciamo da qui in avanti diventa fondamentale. Il nostro obiettivo è quello di vincere quelle sei o sette partite che ci permetterebbero di arrivare in Champions League».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia