Gira tutto intorno al Jack: Fiorentina all’attacco?

Gira tutto intorno al Jack: Fiorentina all’attacco?
27 Giugno 2014 ore 10:28

Il mercato dell’Atalanta entrerà presto nel vivo. Si è già fatto molto, ma ci sono tantissime situazioni da risolvere. Oggi a disposizione di Stefano Colantuono ci sono più di 40 giocatori e prima del ritiro sarà necessario sfoltire. Le pedine più chiacchierate, tuttavia, sono titolarissimi come Carmona (interesse per lui del Siviglia), Consigli (si parla del Napoli), ma soprattutto Giacomo Bonaventura.

Il numero 10 di San Severino Marche è il più vicino ad una cessione definitiva, la sua valutazione si aggira intorno ai 10 milioni di euro e tutti gli indizi portano a Firenze. Montella, tecnico gigliato, non ha mai nascosto la sua ammirazione per Bonaventura. L’entourage del giocatore aspetta notizie dall’Atalanta, l’interesse di altre società (si parla della Juve, ma anche di Milan e Napoli) non può che favorire un’asta al rialzo, ma la sensazione è che l’attacco decisivo da parte del club viola sia ormai in arrivo.

Giovedì 26 giugno si è riunito il Cda della Fiorentina, il patron Della Valle ha definito le linee guida e la questione centrale riguarda il colombiano Cuadrado. Protagonista al mondiale brasiliano, dopo una super stagione, l’esterno è appetito dai grandi club europei e per i dirigenti fiorentini sarà difficile trattenerlo. Ecco dunque che Bonaventura può diventare un sostituto prezioso, abile in fase difensiva, ma anche e soprattutto negli ultimi 20 metri.

In Toscana si vocifera di un’offerta per l’Atalanta così strutturata: 6 milioni in contanti più il cartellino di uno tra Wolski e Bakic. I due, centrocampisti, non sembrano però interessare alla Dea visto che in mezzo al campo le soluzioni non mancano con Cigarini, Baselli, Carmona, Molina, D’Alessandro e Migliaccio. Il discorso potrebbe assumere contorni diversi se nell’operazione venisse inserito il cartellino di un attaccante tra Matos (classe ’93, e 23 presenze in serie A più 3 gol in Europa League in 8 partite)  e Babacar (anche lui classe ’93, e 20 reti in 42 presenze con il Modena in serie B). L’Atalanta a quel punto prenderebbe due piccioni con una fava: liquidità importante (dopo i 3 milioni arrivati da Livaja altri 5-6 da Bonaventura) e vice Denis giovane da mettere a disposizione di Colantuono.

I primi giorni di luglio saranno decisivi, l’Atalanta ha sostanzialmente ancora due posizioni da chiudere con degli acquisti. Per il difensore centrale potrebbe anche restare Canini, ma non si escludono sorprese, mentre in attacco c’è ancora un punto interrogativo: la cessione di Bonaventura scioglierà ogni dubbio. In rosa, intanto, il posto del ragazzo cresciuto nel vivaio è già stato preso da Marco D’Alessandro.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia