Il grande dubbio

Il mani di Bastos, nessuna concessione sull’anticipo e ora le partitelle: Lazio, perchè?

Riuscire a far discutere per ogni azione o presa di posizione è quasi impossibile, eppure i biancocelesti ci riescono...

Il mani di Bastos, nessuna concessione sull’anticipo e ora le partitelle: Lazio, perchè?
15 Maggio 2020 ore 23:39

di Fabio Gennari

La Lazio non è una squadra che dalle parti di Città Alta gode di grandi simpatie. Se in passato qualche rogna di troppo è arrivata sul fronte dell’ordine pubblico, negli ultimi dodici mesi si sono aggiunti episodi abbastanza difficili da capire. Nella finale di Coppa Italia del 2019, vinta dalla Lazio per 2-0 contro un’Atalanta tutt’altro che irresistibile, il clamoroso episodio del mani di Bastos su tiro di de Roon scatenò grandi polemiche in casa nerazzurra: perché nessuno della Lazio, davanti all’evidenza delle immagini, ha candidamente ammesso: “È vero, c’è stato un errore pesantissimo che ci ha favorito”?

Tralasciamo i due rigori dati nella sfida di andata allo stadio Olimpico (la struttura della gamba di Immobile dev’essere particolare: gli pesti il piede e lui si tiene il ginocchio…) e chiediamo: perché alla vigilia di Valencia-Atalanta c’è stato tutto quell’ostruzionismo per anticipare di 20 ore una gara che lo stesso Gasperini (in modo sarcastico) era pure disposto a giocare poco prima di salire sulla scaletta dell’aereo verso la Spagna? E ancora, notizia di un paio di giorni fa: perché sbattersene allegramente delle regole e allenarsi con delle partitelle 3 vs 3 metà settimana prima degli altri? Lotito e Inzaghi, pensate di essere più furbi e simpatici di tutti? Difficile, quasi impossibile, trovare risposte logiche e sensate.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia