Prima trasferta dell'anno

Il ritorno degli atalantini allo Stadium: 244 i presenti, pochi cori e tanti bambini

Sono tornati allo stadio i sostenitori della Dea, con la Juve un primo segnale di normalità anche se manca la spinta dello zoccolo duro della Curva Pisani

Il ritorno degli atalantini allo Stadium: 244 i presenti, pochi cori e tanti bambini
Atalanta 16 Agosto 2021 ore 07:29

di Fabio Gennari

Chi c'era racconta di una grande emozione per il ritorno allo stadio a vedere l'Atalanta dal vivo in trasferta dopo diversi mesi, una semplice amichevole d'agosto in casa della Juventus. Il risultato contava poco, ma la gara ha dato la possibilità ai sostenitori della Dea di rivivere per qualche ora, lontano da Città Alta, le sensazioni di uno stadio aperto e della partita di calcio con la squadra di Gasperini a battagliare sul terreno di gioco proprio lì, a pochi metri di distanza.

Sono stati 244 i tifosi atalantini che sabato 14 agosto hanno preso posto nel settore ospiti, tutti muniti di Green Pass. Gli orobici hanno assistito alla prima gara in trasferta con la possibilità di accesso per il 50 per cento rispetto alla capienza dell'impianto. complessivamente sugli spalti c'erano 11.167 persone e considerando che allo Juventus Stadium ci stanno normalmente circa 42mila persone, la risposta del pubblico è stata buona ma non eccezionale.

Dentro lo stadio, raggiunto il proprio posto dopo una serie di controlli rigorosi ma tutto sommato privi di problemi, il tifo non è stato quello solito. Alcuni dei presenti hanno raccontato di cori sporadici e di un clima piuttosto "teatrale". Particolare e positiva la presenza di diversi bambini, una pennellata di fresca passione per il calcio che di questi tempi è sempre importante. Dalle immagini televisive che sono state proposte, il colpo d'occhio è stato davvero molto ordinato e la disposizione a scacchiera ha mostrato l'effetto della vendita dei biglietti come imposto dalle norme.

Tra i 244 tifosi bergamaschi al seguito, prima volta dopo circa un anno e mezzo anche il gruppo "Chei de la Coriera", presenti con un bus pieno. A bordo, viaggio sereno, mascherina d'ordinanza e voglia di stare in compagnia. Uno striscione alla partenza ha svelato uno stato d'animo ben preciso: "Eh già, noi siamo ancora qua" hanno scritto i tifosi. Il gruppo si ripresenterà anche sabato a Torino per la prima giornata di serie A.