“Stasera tutti allo stadio” C’è atmosfera di bel calcio

“Stasera tutti allo stadio” C’è atmosfera di bel calcio
27 Settembre 2015 ore 20:40

“Andiamo all’Atalanta” è il titolo della campagna abbonamenti appena terminata. “Andiamo all’Atalanta” è l’invito che la società nerazzurra rivolge a tutti i tifosi bergamaschi in vista del posticipo di questa sera contro la Sampdoria. Dopo il successo di Empoli, in rete ha iniziato a circolare un video a fortissime tinte nerazzurre che ha il chiaro obiettivo di coinvolgere tutti per la gara che si giocherà alle ore 21 al Comunale di Bergamo: la speranza è che la risposta del pubblico sia quella delle grandi occasioni.

 

 

10.524 tessere staccate, stadio da riempire. Nonostante i lavori di ammodernamento e la perdita di circa 3mila posti con la sparizione di un settore popolare come il parterre di tribuna, la risposta della gente è stata importante. Il muro delle 10mila tessere è stato superato senza difficoltà già prima di Atalanta-Frosinone e durante il classico prolungamento di tre settimane prima di Atalanta-Verona c’è stato un colpo di coda che ha fissato il numero oltre quota 10.500. Con poco più di 20.000 posti a disposizione, l’obiettivo della società è riempire il più possibile l’impianto ad ogni occasione e, se contro le grandi non ci saranno difficoltà, è chiaro che se più sfide avranno le tribune gremite, più il sostegno alla Dea si farà sentire in modo significativo. Già contro gli scaligeri il colpo d’occhio e il ruggito dello stadio hanno avuto spesso grande impeto e la chiamata della società per Atalanta–Sampdoria è calorosa e diretta: lunedì sera serve la mano di tutti per continuare la grande marcia in classifica.

Serata di bel calcio? Basta guardare la classifica per capire come il match di questa sera rappresenti una grande occasione per entrambe le squadre. Reja e Zenga si affronteranno per cercare una vittoria che garantisca l’approdo nella zone altissime della classifica: che sia terzo posto (per i blucerchiati) o sesto posto (per i nerazzurri) si tratterebbe comunque di un grande risultato per entrambe dopo sole sei giornate.

Gli avversari. La Samp ha iniziato la stagione con una delusione tremenda. Nel preliminare di Europa League, i liguri hanno rimediato un’eliminazione che nessuno si aspettava contro i serbi del Vojvodina e secondo molti addetti ai lavori avrebbero potuto concretamente subire il contraccolpo psicologico anche in campionato. L’allenatore, Walter Zenga, è stato bravo a mantenere dritta la barra, non ha mai perso la calma e in queste prime 5 partite ha conquistato 10 punti frutto anche del pareggio in rimonta di Napoli e del successo in extremis sulla Roma. In avanti, la Sampdoria fa paura. Formazione alla mano, sono almeno quattro gli uomini d’attacco che giocheranno al Comunale, con Eder e Muriel a rappresentare il pericolo numero uno per Toloi e Paletta. Dal punto di vista tattico, la posizione del talento Correa e del quasi napoletano Soriano rappresentano la variante forse decisiva del 4-3-1-2, visto che l’ex Barreto e Fernando restano gli unici due interditori veri per la copertura di mezzo. In difesa, la Sampdoria ha più di un problema, con Pereira e Mesbah che dovranno vedersela con Maxi e Gomez. Lì, gli ospiti, rischiano parecchio.

I precedenti. Atalanta-Sampdoria è una delle partite che nella storia nerazzurra di Serie A si è giocata di più. A Bergamo sono 43 i precedenti su 54 campionati della massima serie disputati con un bilancio che sorride nettamente ai padroni di casa. Con 18 vittorie e 17 pareggi la Dea ha strappato punti in ben 35 occasioni, lasciando l’intera posta agli avversari solo 8 volte. L’anno scorso la gara rappresentò il capolinea della gestione Colantuono a Bergamo. Dopo il vantaggio di Stendardo, nella ripresa furono Muriel e Okaka a ribaltare la situazione con Sportiello protagonista in negativo sulla rete del definito 1-2: a memoria, la sbavatura sul tiro di Eto’o resta una delle pochissime occasioni in cui il numero 57 non è stato all’altezza.

 

https://youtu.be/9Q-X0loJezQ

 

L’ultimo pareggio è datato 30 marzo 2013 (0-0) mentre nel 2014 si è registrato un perentorio 3-0 a favore della squadra orobica. La Sampdoria di Mihajlovic venne spazzata via dalle reti di Carmona, Bonaventura e Denis. In quel periodo, Bergamo sognava il ritorno in Europa grazie alle 6 vittorie consecutive che vennero interrotte dalla sconfitta interna con il Sassuolo.

 

https://youtu.be/SZZjWizBFqs

 

Le scelte di Reja. Sebbene il match sia la terza gara in otto giorni, il tecnico atalantino Reja potrebbe anche non fare troppo turnover. Le parole della vigilia vanno in questa direzione, attenzione alla pre-tattica perché anche prima di Empoli sembrava che ci potessero essere decisioni particolari e invece alla fine non successe nulla chi clamoroso. L’unico certo di non giocare subito è Masiello, al suo posto potrebbe esserci Bellini, ma non è escluso l’impiego di Raimondi o Conti. Il resto della difesa resterà quello di Empoli, con Toloi e Paletta davanti a Sportiello e Dramè sulla sinistra, mentre è a centrocampo che ci potrebbero essere sorprese. Logica vorrebbe in campo de Roon, Kurtic e Grassi ancora una volta, ma Cigarini scalpita e soprattutto Migliaccio potrebbe essere molto prezioso. Soriano si muove sulla parte destra del settore nerazzurro, Grassi potrebbe subirlo ed ecco allora che con il centrocampista di Mugnano la copertura è garantita. In avanti, Moralez e Gomez sembrano sicuri di una maglia con Pinilla centravanti.

Le probabili formazioni

Atalanta (4-3-3): Sportiello; Bellini, Toloi, Paletta, Dramè; Migliaccio, de Roon, Kurtic; Moralez, Denis, Gomez. All. Reja

Sampdoria (4-3-1-2): Viviano; Pereira, Zukanovic, Moisander, Mesbah; Barreto, Fernando, Soriano; Correa; Eder, Muriel. All. Zenga

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia