Atalanta
Il personaggio

Ilicic, l'affetto dei tifosi e quei 28' minuti in cui ha lanciato segnali (in tutti i sensi)

Vedere lo sloveno di nuovo in campo è stata una bella emozione. Il lavoro da fare è tanto ma lui è con il gruppo e Gasperini lo sta gestendo

Ilicic, l'affetto dei tifosi e quei 28' minuti in cui ha lanciato segnali (in tutti i sensi)
Atalanta 11 Luglio 2022 ore 09:24

di Fabio Gennari

Josip Ilicic è entrato in campo all'inizio della ripresa della partitella di allenamento contro i dilettanti della ValSeriana. Eppure tanto è bastato per strappare applausi e pure un coro (sentito nitidamente al 13' del secondo tempo) con la richiesta più semplice: «Resta a Bergamo». In questo momento, il cuore e l'emozione che trasmette la sua presenza in campo annebbia inevitabilmente ogni valutazione tecnica, la verità è che come non bastavano 10' minuti contro l'Empoli all'ultima giornata dell'anno scorso non possono bastarne 28' contro la Rappresentativa ValSeriana per decisioni definitive.

Nei 28' minuti in cui è rimasto in campo, lo sloveno ha mandato in gol due volte Miranchuk e ha prima iniziato e poi concluso un'azione palla a terra che con il tacco ha mandato pochi centimetri più in là del palo. Sarebbe stata l'apoteosi per gli oltre duemila arrivati a Clusone che volevano segnali da un ragazzo che ha passato mesi difficili e che ora sembra davvero tornato al suo posto. Già, perché oltre a quanto descritto ci sono anche l'avvio dell'azione del 9-0 di Malinovskyi e quel gesto con il dito ("Io?" sembrava volesse dire a Gasperini) al momento del cambio con Lammers.

Dall'inizio del ritiro, Ilicic lavora senza intoppi con i compagni. L'averlo tolto dopo appena mezz'ora scarsa nella prima amichevole della stagione può significare anche gestire in modo graduale il suo ritorno. Oggi, Josip Ilicic ha bisogno di lavorare sodo per tornare a un livello importante sul piano atletico e dinamico: la classe è cristallina (si è visto in tutte le scelte), ma quando il ritmo e la velocità aumentano (come in Serie A) serve molto di più. La strada sembra quella giusta, le prossime settimane saranno decisive per il suo futuro.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter