Tra Inter ed Everton, in 4 giorni si muovono cinquemila tifosi

Tra Inter ed Everton, in 4 giorni si muovono cinquemila tifosi
18 Novembre 2017 ore 10:33

Duemila atalantini a San Siro domenica sera e almeno altri tremila giovedì a Liverpool per chiudere il discorso qualificazione. In quattro giorni, saranno circa cinquemila i sostenitori nerazzurri al seguito della squadra di Gasperini e una simile dimostrazione d’affetto è solo l’ultima di una serie infinita di cartoline di passione che la gente dell’Atalanta sta inviando al mondo del calcio. Non conta il risultato, non dipende tutto da un trofeo o dalla lotta per un posto che conta: l’atalantino è prima di tutto «fiero sostenitore dei nostri colori». Solo al 90esimo guarda il tabellino. Da sempre e per sempre.

 

 

La piccionaia di San Siro nuovamente bella piena. Il Meazza di Milano è a due passi da Bergamo, negli anni più belli si sono viste invasioni atalantine anche di ottomila persone, ma erano i tempi della Dea incredibilmente prima in classifica, e comunque certe gare rappresentavano il punto più alto di una stagione in cui l’unico pensiero era salvarsi. Oggi Inter-Atalanta sembra quasi l’antipasto della gara di Europa League a Liverpool, un po’ come quando per anni la cena ruota intorno a un succulento filetto in crosta e improvvisamente lo stesso pezzo di manzo lo usi per una semplice tartare d’apertura. Da anni ormai, a San Siro gli “ospiti” sono sistemati al terzo anello blu, normalmente chi viene a farti visita cerchi di farlo sentire a suo agio mentre a Milano ti piazzano talmente in alto che serve il binocolo per capire se la palla ce l’ha Gomez o Petagna. A questo aggiungeteci pure un po’ di confusione sulla vendita dei biglietti (come dicevamo il 9 novembre scorso la vendita era libera per tutti. Era l’Inter in colpevole ritardo, l’Osservatorio è stato chiaro…). Alla fine, però, ben duemila bergamaschi hanno investito 20 euro più prevendita per vedere (poco) e sostenere (tanto) la squadra del Gasp sullo stesso campo del 7-1 e dell’eliminazione Mondiale dell’Italia. Brividi.

 

 

Il sogno inglese e i dieci charter al seguito. Il calendario impone di percorrere il cammino sportivo di questo periodo a cavallo tra fine novembre e inizio dicembre in rigoroso ordine cronologico. Prima l’Inter, poi l’Everton, a seguire il Benevento e via via tutte le altre. Nei discorsi da bar, in coda sull’asse interurbano o a tavola con la famiglia, però, torna sempre il pensiero fisso: giovedì l’Atalanta andrà in trasferta per l’ultima volta nel Gruppo E di Europa League e lo farà sul campo di Goodison Park, contro l’Everton. Il calcio inglese è affascinante, gli stadi sono sempre bellissimi e la possibilità di vedere la Dea in campo a Liverpool è qualcosa di unico. La conferma di quanto sia sentita questa partita è la febbre dei tifosi che si sono organizzati per conto proprio con i trasferimenti e che hanno dato la caccia al biglietto. Alla fin dei conti, saranno oltre tremila i sostenitori orobici al seguito e l’esodo inglese è veramente molto atteso. Lo abbiamo già scritto, ma ripetere una volta in più il numero di charter (voli privati organizzati solo per la partita) regala brividi incredibili: dieci aerei da circa 190 posti completamente esauriti partiranno tra Orio al Serio e Malpensa. E siamo solo ai gironi.

 

 

Il Lione nel mirino, sarà un’altra grande notte. La verità che in pochissimi sottolineano, forse condizionati dalla stupenda passione della gente, è che Everton-Atalanta, matematicamente parlando, potrebbe essere la sfida più inutile del girone. Indipendentemente dal risultato, i nerazzurri sono qualificati se l’Apollon Limassol non vincesse a Lione e, considerando le forze in campo, l’ipotesi non è affatto peregrina. Anzi, se i ciprioti compiono la “mission impossible”, la squadra francese sarebbe addirittura a rischio eliminazione. L’altra grande verità che bisogna sottolineare è che Atalanta-Lione del 7 dicembre vale il primo posto del girone: se l’Atalanta vincesse, sarebbe matematicamente prima. Anche con una sconfitta a Liverpool, i nerazzurri a 11 punti insieme ai francesi avrebbero la certezza di passare come primi grazie al successo nello scontro diretto. Anche per questo motivo la vendita di tagliandi per la sfida procede a gonfie vele e ancora una volta il pubblico orobico risponderà presente. In massa, a Reggio, circa 180 chilometri da Bergamo. Le spese sono tante, le ore di sonno poche e i viaggi anche complicati, ma queste partite (senza dimenticare le altre gare di campionato) rappresentano per migliaia di bergamaschi l’occasione giusta per ribadire, ancora una volta, quanto conta l’Atalanta.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia