L’Under 21 si gode Monachello Il video della sua doppietta

L’Under 21 si gode Monachello Il video della sua doppietta
09 Ottobre 2015 ore 09:25

Due gol, un assist e una prestazione da applausi per dire a tutti quanti che lui c’è. Nella settimana in cui l’Atalanta si allena ma non gioca per via della sosta, i tifosi nerazzurri scoprono improvvisamente che la Nazionale Under 21 parla nerazzurro. Gli azzurrini di Di Biagio, a Capodistria, hanno battuto la Slovenia con un netto 3-0 e il “man of the match” è Gaetano Monachello, attaccante agrigentino arrivato a Bergamo in punta di piedi nello scorso mercato estivo.

La scalata del terzo centravanti atalantino. La carriera di Monachello è all’inizio, il giovane arrivato dal Monaco ha già parecchia esperienza in giro per il mondo ma sia con l’Atalanta che con la Nazionale il suo destino sembra segnato: partenza in panchina, spiccioli di gara per provare a stupire tutti alla ricerca di gol importanti. Nel tardo pomeriggio sloveno, è successo proprio questo. Mister Di Biagio aveva scelto di partire con la coppia d’attacco Cerri-Boateng, dopo un’ora di gioco e tante occasioni bloccate dall’estremo difensore degli avversari Sorcan c’è stato l’ingresso in campo del giovane nerazzurro che, alla sua seconda presenza ufficiale con la maglia azzurra, ha spaccato la partita con tre azioni da applausi.

Due gol e un assist, sinistro devastante. Sugli spalti c’era anche il direttore tecnico dell’Atalanta Giovanni Sartori, giunto in Slovenia per seguire dal vivo la partita e confortato dalla prestazione di Monachello ma anche da quella del terzino Conti che ha giocato 90 minuti ed è stato preferito a Calabria del Milan. L’attaccante dell’Atalanta ha prima sfiorato la rete con un tocco ravvicinato che il portiere ha respinto; poi è riuscito a liberare il suo sinistro e la Slovenia è andata ko. Al 71’, raccogliendo un cross dalla sinistra, Monachello si è coordinato perfettamente al limite dell’area e ha trafitto Sorcan calciando di collo pieno senza pensarci troppo, e realizzando un gran gol.

 

http://dai.ly/x390732

 

Poco dopo, quasi allo scadere, il puntero agrigentino ha scaricato un sinistro all’angolino dopo aver recuperato palla al limite sugli sviluppi di una rimessa laterale.

 

http://dai.ly/x3908is

 

Infine, la ciliegina sulla torta all’87’: apertura mancina precisa a ispirare il torinista Benassi, che entra in area e sigla il 3-0 finale.

 

http://dai.ly/x39094d

 

Grande gioia di “Tano”, dedicata alla sua Federica. Sui social e sul web, i due gol e mezzo di Gaetano Monachello hanno subito infiammato i tifosi atalantini. Per una società che da sempre punta sui giovani da lanciare nel calcio che conta, avere in rosa il centravanti della Nazionale Under 21 è importante e pure gli appassionati dimostrano di gradire. Dalla sua, “Tano gol” (questo il nomignolo coniato dai tifosi atalantini nei commenti alla prestazione di Monachello) parla dal bus di rientro dalla Slovenia diretto a Vicenza, e poco dopo la grande impresa è ancora molto soddisfatto.

Gaetano, complimenti: hai fatto di tutto con quel sinistro…

Sono molto contento, davvero. Queste partite sono importantissime, ho lavorato molto per farmi trovare pronto e adesso sono felice. Ho lanciato un segnale importante, questa doppietta e l’assist per il terzo gol dimostrano che ci sono anche io. Penso ad impegnarmi e a dare il massimo ogni giorno ma è innegabile che gol e assist sono fondamentali per guadagnare ancora più fiducia da parte di tutti.

Ci racconti i due gol? Nel complesso, le tre giocate che hai fatto, sono da applausi.

Il gol più bello è certamente il primo. Non era facile coordinarsi bene ma sono riuscito a farlo e dal limite dell’area ho superato il portiere nell’angolino lontano. Sul 2-0 mi sono preparato la conclusione e ho mirato proprio l’angolino. L’apertura per Benassi che ha portato al 3-0 è un altro motivo di grande soddisfazione. Sono felice, era la mia seconda presenza ufficiale con l’Under 21 e ho trovato dei gol importanti.

Hai qualche dedica particolare per i gol?

Sicuramente, il primo pensiero va alla mia ragazza Federica. Ha lasciato tutto, ha cambiato vita per seguirmi a Bergamo e starmi vicina. Mi permette di vivere con grande serenità e queste reti sono per lei, è felicissima. Poi non dimentico la mia famiglia e l’Atalanta, sia la società che il gruppo: tutti sono importanti per me e mi stanno aiutando a crescere.

Da Bergamo hai ricevuto messaggi dopo questi gol?

Non sono ancora riuscito a leggerli tutti, ho il telefono pieno. Ma al di là dei messaggi, non posso non sottolineare quello che fanno ogni giorno per me i più esperti del gruppo. Da Raimondi che si cambia vicino a me a Denis passando per Gomez e molti altri, mi danno sempre un sacco di consigli e la considerazione che sento è fondamentale. Poi ci sono mister Reja e mister Bollini che stanno seguendo la mia crescita, il direttore Sartori che ha creduto in me e che mi segue sempre. Grazie davvero a tutti, voglio continuare su questa strada.

Ultima curiosità: ma ad Agrigento stanno festeggiando?

Ho sentito qualcuno, io non ho Facebook ma mi dicono che sui social i miei amici stanno facendo un bel casino. Che felicità, ora mi voglio concentrare sulla gara di Vicenza contro l’Irlanda e spero di avere un’altra possibilità. Mister Di Biagio mi ha detto «bravo», voglio continuare a convincere e fare altri gol importanti. Prima con l’Under 21 e poi con l’Atalanta.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia