Pronta la risposta del tecnico

Gasperini replica al Papu: «L’aggressione è stata sua, via perché ha mancato di rispetto ai Percassi»

L'allenatore dell'Atalanta ha risposto alle accuse, gravissime, dell'ex capitano dando la sua versione dei fatti

Gasperini replica al Papu: «L’aggressione è stata sua, via perché ha mancato di rispetto ai Percassi»
Atalanta 18 Agosto 2021 ore 11:37

di Fabio Gennari

Non si è fatta attendere la risposta del tecnico atalantino Gian Piero Gasperini dopo le pesanti dichiarazioni di Gomez sull'addio all'Atalanta. L'ex numero 10 nerazzurro ha detto in un'intervista a "La Nacion" che durante l'intervallo di Atalanta-Midtjylland è stato l'allenatore ad aggredirlo fisicamente e ha poi parlato di come il presidente Percassi non avrebbe avuto il coraggio di imporre le scuse a Gasperini.

Queste le parole del mister degli orobici raccolte in esclusiva da Gazzetta.it. «I comportamenti e gli atteggiamenti di Gomez, in campo e fuori, erano diventati inaccettabili per l’allenatore e per i compagni. L’aggressione fisica è stata sua, non mia, ma il vero motivo per cui è andato via da Bergamo è per aver gravemente mancato di rispetto ai proprietari del club. Mi auguro che Gomez possa continuare a far parlare di sé con le prestazioni, come faceva all’Atalanta».

Secondo quanto riferito dal mister di Grugliasco, la situazione sarebbe ben diversa da come è stata descritta dall'ormai ex capitano. Il tempismo delle parole di Gomez è quantomeno singolare, perché uscire con dichiarazioni così pesanti a pochi giorni dall'inizio della nuova stagione? Anche perché, a ben guardare, nella sfida con l'Ajax (giocata pochi giorni dopo il fattaccio) Gomez era in campo con la fascia da capitano al braccio e contro la Juventus, il 16 dicembre 2020, lo stesso numero 10 entrò dalla panchina dopo aver canticchiato l'inno dei bianconeri in panchina e senza esultare con i compagni al momento del pareggio di Freuler.

In ultima analisi, non va dimenticato che la versione di Gasperini è perfettamente in linea con quanto lo stesso tecnico della Dea raccontò al termine della sfida contro la Roma dello scorso 20 dicembre, subito dopo Atalanta - Roma. «Sarà la società ad aggiustare questa situazione - disse Gasperini all'ennesima domanda sul Papu -, ma quando si arrabbia un allenatore è un conto, se si arrabbia un presidente è più complesso».