Vivaio nerazzurro

L’Atalanta Primavera sfida la Juventus per riprendere la cavalcata verso il titolo

Dopo l’eliminazione dalla Coppa Italia i bergamaschi puntano i bianconeri per il riscatto. Impegno da non sottovalutare perché il 5-0 dell’andata non rispecchia i reali valori dei piemontesi.

L’Atalanta Primavera sfida la Juventus per riprendere la cavalcata verso il titolo
Bergamo, 01 Febbraio 2020 ore 09:00

di Andrea Licenziato

La Primavera dell’Atalanta sta vivendo il periodo più difficile da inizio stagione. Dopo i due pareggi consecutivi in campionato contro Torino e Sampdoria, che comunque non hanno interrotto l’imbattibilità della capolista, la corazzata nerazzurra ha dovuto dire addio al sogno Coppa Italia. La sconfitta di mercoledì 29 gennaio a Zingonia subita per mano della Roma ha sancito l’eliminazione nei quarti di finale. Il 4-1 non lascia spazio a immaginazioni e testimonia come i padroni di casa abbiano avuto dei momenti di blackout nelle fasi cruciali del match.

Per invertire il trend negativo i bergamaschi sono chiamati al riscatto, oggi (sabato 1 febbraio) alle 17 a Vinovo nel delicatissimo scontro diretto con la Juventus. L’obiettivo è quello di chiudere la settimana più ombrosa vissuta dalla Primavera con una schiarita. A dire il vero i tre punti di Torino servirebbero più a diradare qualche nube che si è addensata nel cielo sopra il Centro Bortolotti che a difendere la vetta. Le sette lunghezze di vantaggio sul Cagliari fanno infatti dormire sonni tranquilli in casa Dea, ma non bastano per rasserenare una squadra abituata a dominare. Da settembre gli orobici nella maggior parte delle partite hanno tenuto in mano il pallino del gioco, hanno deciso quando era il momento di accelerare e quando invece era meglio attendere l’occasione giusta per punire le avversarie. Ora che la condizione atletica è calata l’Under19 atalantina sta faticando a imporre il proprio gioco propositivo e votato all’attacco.

Il tecnico sta lavorando sul recupero di diversi elementi alle prese con dei piccoli problemi fisici. In vista della sfida odierna contro la Juventus i bergamaschi devono ritrovare la freschezza mancata negli ultimi quindici giorni. I bianconeri guidati da Lamberto Zauli grazie a una serie positiva di dieci risultati utili consecutivi, centrati tra fine ottobre e metà gennaio, si sono risollevati. Il quinto posto attuale, a meno uno dall’Inter che è terza, racconta di una formazione piemontese in lotta per il gradino più basso del podio. Sul gradino più alto invece c’è l’Atalanta vogliosa di riscattare il passo falso infrasettimanale e tornare a vincere. Il gruppo è unito verso l’unico obiettivo e si troverà dall’altra parte una rosa di qualità assoluta. Tra i protagonisti della squadra capace di vincere il girone di Youth League e qualificarsi per la semifinale di Coppa Italia ci sono: Mamadou Kaly Sene esterno offensivo classe 2001 che utilizza tecnica, velocità e potenza per segnare (cinque sono le reti realizzate finora in campionato), il bomber Elia Petrelli centravanti di area di rigore letale sotto porta e Pablo Moreno, punta centrale classe 2002 eroe di coppa in Europa con 4 marcature in tre presenze.

Ripartire è l’imperativo che circola nell’ambiente nerazzurro in questi giorni. Per farlo tutti insieme servirà azzerare la mente dai numerosi errori commessi contro la Roma. Solamente rivedendo la vera Atalanta i tifosi potranno festeggiare la vittoria sulla Juventus.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia