Con l’Europa dietro l’angolo si programma già il futuro

Con l’Europa dietro l’angolo si programma già il futuro
03 Maggio 2017 ore 10:06

Il mercato dell’Atalanta è in continuo movimento e mai come in questa stagione ogni giorno che passa si vede nitidamente un progetto che, grazie a quanto incassato dalle cessioni di Caldara e Gagliardini, prende forma con largo anticipo. L’annuncio ufficiale dell’ingaggio dell’attaccante Cornelius del Copenaghen rappresenta una novità quasi assoluta per la società orobica: al 2 di maggio è stranissimo vedere un comunicato che conferma un acquisto per la stagione successiva, soprattutto con la squadra in piena lotta per l’Europa e con altri rinnovi (Gasperini e Toloi su tutti) di cui già si parla da un po’ di tempo pur senza annunci ufficiali.

 

 

Andreas Cornelius, un vichingo per la Dea. Dopo la visita a Zingonia e le visite mediche di una decina di giorni fa, la firma sul contratto di Andreas Cornelius è stata ufficializzata da un comunicato congiunto di Atalanta e FC Copenaghen, la squadra dove l’attaccante danese della Nazionale ha realizzato 18 gol tra campionato e coppe in questa stagione. In attesa della presentazione ufficiale a Bergamo e delle sue prime interviste in maglia nerazzurra, il gigante del Nord ha rilasciato al sito ufficiale del club di Copenaghen poche ma significative dichiarazioni: «I tempi sono maturi per un mio trasferimento nella prossima estate – ha detto Cornelius –, tutti insieme abbiamo trovato una buona soluzione e il fattore decisivo per me è stato il piano che l’Atalanta mi ha presentato». Al termine della stagione con il Copenaghen mancano alcuni impegni e l’attaccante ha dimostrato ancora una volta di essere uno che fino alla fine mette tutto quello che può a disposizione della causa: «Ho grandi motivazioni per questo finale di stagione, voglio contribuire alla vittoria dello scudetto e della coppa di Danimarca dell’FC Copenaghen».

 

 

Mancini, Hateboer, Schmidt e Cornelius. Oltre al giocatore danese, l’Atalanta ha già concluso altre operazioni molto interessanti e la sensazione che non sia finita qui è quasi una certezza. A giugno arriverà a Bergamo anche il difensore Mancini del Perugia (classe 1996): insieme a Bastoni (classe 1999), i due giovani dovranno prepararsi al meglio per sostituire Caldara che andrà alla Juventus a giugno del 2018 nel segno di una programmazione che parte da lontano. L’esterno olandese Hateboer (classe 1994) è già a Bergamo e sta portando avanti il suo ambientamento per sostituire un giorno Conti, che piace a parecchie squadre; il centrocampista brasiliano Schmidt (classe 1993) ha già chiuso il suo accordo con l’Atalanta appena dopo Natale e a fine stagione arriverà da svincolato per sostituire il quasi sicuro partente Kessiè. Lì in mezzo, con Freuler e Cristante più Grassi che potrebbe anche restare, forse serve un altro innesto ma la coperta non è corta. Davanti manca un centravanti in grado di giocare al posto di Petagna, ruolo che però in teoria ricoprirà Cornelius. Non c’è che dire: tutte le operazioni nascondono un progetto tecnico ben preciso.

 

 

Cosa manca alla Dea? Un colpo davanti e il rinnovo del Papu. Alla luce dei movimenti fin qui fatti e in attesa di vedere se in tutti i reparti si potranno centrare obiettivi di completamento, ci sono due grandi temi che appassionano i tifosi. Papu Gomez è il faro di questa squadra e in una recente intervista ha messo sul tavolo la possibilità di discutere un rinnovo. Considerando il suo impatto sul gioco del Gasp e sul gruppo, non è affatto escluso che una proposta possa arrivare e, a questo punto, la volontà di Gomez di non andare via se non per una proposta irrinunciabile diventa sempre più concreta: se non c’è una squadra che gioca la Champions che gli offre un posto da protagonista, il Papu resta a Bergamo a giocarsi l’Europa League. Il colpo che manca ai nerazzurri è però un giocatore in grado di dare il cambio a Gomez e che possa garantire un apporto dello stesso livello durante le partite. Di nomi ne girano molti e ciò che è certo è che tutti gli uomini mercato della Dea sono costantemente in giro a vedere partite sia in Italia che all’estero e qualcosa che bolle in pentola c’è di sicuro (Falletti). Uno dei nomi più interessanti che si è letto è quello di Ilicic della Fiorentina (scadenza 2018, stipendio da un milione), il giocatore lascerà la Toscana e pare che sulle sue tracce ci siano Siviglia e Villareal, ma l’Atalanta non è affatto fuori dalla corsa: con il riscatto di Sportiello ancora sul tavolo, gli argomenti per trattare non mancano di certo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia