Atalanta
Bel clima

Lo stadio ha dato una grande risposta, anche con gli applausi finali nonostante la beffa

Il pubblico ha dato una grande risposta, si sono visti tanti drappi nerazzurri e i decibel si sono alzati. Nonostante il Var

Lo stadio ha dato una grande risposta, anche con gli applausi finali nonostante la beffa
Atalanta 11 Febbraio 2022 ore 09:25

di Fabio Gennari

I giocatori della Dea, nonostante la clamorosa beffa subita, ieri sera sono andati a letto con due grandi certezze: lo spirito, che è stato quello giusto, e lo stadio, che ha sostenuto, incitato, applaudito e soprattutto capito. La beffa finale del Var che ha deciso di non annullare la rete del 3-2 di Milenkovic nonostante la posizione di fuorigioco di Bonaventura ha quasi impietrito i giocatori dell'Atalanta, che in campo erano increduli. Fabbri, dopo un paio di minuti, ha fischiato la fine dicendo "è gol" e in quel momento lo stadio atalantino era di ghiaccio. Ma quasi subito sono arrivati applausi per tutti i giocatori.

La degna conclusione di una serata in cui, dopo lo spettacolo quasi asettico di domenica scorsa contro il Cagliari, il Gewiss Stadium è tornato a vibrare. Si può fare meglio, certamente i cori possono essere più organizzati e continui, ma nel complesso la risposta è stata importante, anche e soprattutto perché in campo il sostegno si è nitidamente avvertito. Indipendentemente dai risultati, a Bergamo il collante tra campo e spalti è la passione dei tifosi e se si ritrova quella, se si riesce a riaccendere una situazione che troppe volte è sembrata spenta e triste quest'anno, si può fare ancora qualcosa di grande.

Domenica sera arriverà la Juventus, il valore degli avversari in questo momento è maggiore, ma l'Atalanta non parte battuta. Anzi. Classifica alla mano, anche se tutto in questo momento sembra nerissimo (l'Atalanta non vince da quattro gare ufficiali e ha conquistato i 3 punti solo in due occasioni delle ultime otto partite ufficiali giocate), i nerazzurri sono potenzialmente ancora davanti agli avversari, se si tiene conto della partita da recuperare con il Torino. Per questo, la gara di domenica contro la Juventus è prima di tutto da non perdere. Significherebbe mantenere le distanze e resistere in un momento in cui mancano soluzioni davanti e in cui in difesa si prendono tanti gol, anche evitabili.

I tifosi sono arrabbiati per la decisione di convalidare il gol di Milenkovic, anche domenica scorsa in occasione del vantaggio del Cagliari si è visto un fallo di mano che sembrava troppo evidente per non essere fischiato (hanno immagini dove si vede che Pereiro non la tocca? Ce le mostrassero!) e in questa sede non possiamo far altro che richiedere, con forza, che qualcuno ci venga a spiegare il perché delle decisioni. Sarebbe molto meglio per tutti, capiremmo come sono le regole e le polemiche forse verrebbero azzerate.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter