Mercato, nessuna pista calda Servono calma e occhi aperti

Mercato, nessuna pista calda Servono calma e occhi aperti
28 Giugno 2019 ore 08:25

Non c’è un nome buono, non c’è una pista calda (nonostante i 40 gradi di temperatura) e la dimostrazione è nel fatto che più o meno tutti i giornali che parlano di calciomercato pubblicano liste di obiettivi che nemmeno la spesa grossa del supermercato arriva a tanto. La domanda sorge spontanea: perché? Il concetto è chiaro, l’Atalanta dev’essere completata, ma c’è una variabile che troppi appassionati non considerano ed è il tempo. Se fai le cose velocemente è perché c’è l’occasione giusta (vedi Muriel), diversamente bisogna prendersi il tempo necessario per trovarla e costruirla, l’occasione giusta.

 

 

I nomi che escono sono un giochino estivo. In questa fase, capita ogni giorno di leggere nomi anche nuovi, ogni 5-6 ore. È talmente facile capire il perché che diventa superfluo spiegarlo, ma visto la continua richiesta di verifica («Oh, ma questo ci interessa davvero?») è bene fare chiarezza. Funziona così: un procuratore ha diversi giocatori per le mani, se Sartori ne sonda la disponibilità, lo stesso agente ci mette tre secondi netti a spifferarlo a qualcuno. Perché c’è una reale trattativa? Assolutamente no, solo perché cresce l’interesse sul suo assistito e il nome circola. Anche quando non succede che Sartori faccia la chiamata esplorativa, può partire un giochino simile. Io procuratore sono a conoscenza del fatto che l’Atalanta cerca una seconda punta? Bene, ne ho cinque tra i miei assistiti e inizio a spargere la voce che interessano alla Dea. Tanto chi può verificare? Chi può rifiutare di pubblicare un “si dice” oppure “pare che”? È il gioco delle parti, i dirigenti a Zingonia lo conoscono perfettamente e vien quasi da dire che quando un nome esce con tanta facilità è proprio perché non interessa.

 

 

Joao Pedro, Malinovskyi e gli altri: Gasp decisivo. Andando sul concreto, gli ultimi nomi di cui si fa un gran parlare sono Joao Pedro del Cagliari e Malinovskyi del Genk. Il brasiliano in forza ai sardi è solo uno dei tanti profili che probabilmente a Zingonia stanno osservando, ma non ci sono né trattative in ballo né richieste formali da parte della Dea. Lo stesso Malinovkyi del Genk non arriverà perché rispetto all’idea iniziale si è scelta una strada diversa: il prossimo investimento sarà fatto su un altro attaccante. In questo frullatore di voci c’è da tenere in considerazione un aspetto, poi, che da quest’anno è diventato ancora più decisivo: la parola di Gasperini è decisiva. Se l’ucraino non arriva è perché, nelle varie riunioni di mercato, il tecnico ha dato l’ok a un cambio di rotta. Prima di ritenere il brasiliano come un obiettivo, serve verificare il pieno gradimento del tecnico che per Muriel si era nettamente speso a favore dell’acquisto, mentre in questo momento è in fase di valutazione e monitoraggio delle varie opzioni sul mercato: se non abbiamo ancora affondato sui vari Caprari, Defrel e Inglese (anche se non cerchiamo quel tipo di giocatore) è perché il mister non ha dato l’ok. Tutto molto semplice.

 

 

L’Atalanta non ha fretta, fermi fino al ritiro? I nerazzurri in questo momento non hanno nessuna fretta di affondare. Ci sono un sacco di incroci di mercato che possono andare a segno e manca una vita alla fine della sessione estiva. La chiusura dei bilanci delle società al 30 giugno rappresenta un primo riferimento temporale da tenere in considerazione, ma è chiaro come tutto sia in stand-by in attesa degli eventi o di nuove situazioni che si possono concretizzare. I nerazzurri hanno disponibilità economica e la Champions come carta da giocare ma nessuno vuole buttare soldi dalla finestra. L’unica opzione attualmente concreta riguarda Guarin, ma prima di ritenere il giocatore davvero vicino servono due elementi nuovi: la certezza che si liberi a zero dai cinesi dello Shanghai e una richiesta d’ingaggio reale vicina alle cifre di cui si è letto sui giornali. Se ha il cartellino in mano e si accontenta di un milione di ingaggio a fronte dei dieci che guadagna oggi se ne parla, se ne chiede ad esempio cinque, il colombiano non arriverà mai. Stesso discorso per El Shaarawy che a Roma ha chiesto quattro milioni per rinnovare e pare abbia rifiutato di andare in Cina per sedici milioni l’anno per tre anni. Queste cifre non sono da Atalanta.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia