cambio di rotta

Lecce-Atalanta, nella notte il Ministero ha cambiato idea: la trasferta è libera

La comunicazione è arrivata poco dopo le 8 del mattino ai dirigenti dell'Atalanta, dopo che la sera precedente era invece stato stoppato tutto

Lecce-Atalanta, nella notte il Ministero ha cambiato idea: la trasferta è libera
29 Febbraio 2020 ore 09:12

di Fabio Gennari

Un colpo di scena dietro l’altro, una situazione in continua evoluzione che adesso dovrebbe essersi cristallizzata. Dopo le notizie circolate nella serata di venerdì 28 febbraio che parlavano di trasferta vietata, nella prima mattinata di oggi, sabato 29 febbraio, è arrivato un nuovo colpo di scena: la trasferta allo stadio Via del Mare sarà aperta ai tifosi dell’Atalanta. Il cambio di rotta, assolutamente clamoroso, è arrivato dal Ministero ed evidentemente a margine del Consiglio dei Ministri di ieri sera è accaduto qualcosa che ha fatto cambiare idea in quel di Roma.

Stando ad alcune fonti romane, sono diversi i fattori che hanno influito sul repentino cambio di rotta. Non solo le pressioni di Atalanta e mondo del pallone in generale, ma anche il fatto che già diversi tifosi nerazzurri avevano preso i biglietti non solo dello stadio, ma anche del viaggio fino in Puglia. Annullare la trasferta con un margine così ridotto non avrebbe comunque evitato il viaggio a tanti bergamaschi, che con il biglietto in mano si sarebbero comunque “regalati” un fine settimana al Sud. Un dato che è stato fatto notare al Ministero dopo il Consiglio di ieri sera e che ha certamente influito sul cambio di decisione.

Al seguito della squadra orobica ci saranno circa duecento tifosi. I primi sono partiti da Bergamo già con il volo di oggi che è atterrato a Brindisi poco dopo le 8 del mattino: nessun problema segnalato dai passeggeri, nessun controllo specifico e un clima assolutamente tranquillo. A questo punto si resta in attesa di uno straccio di comunicazione ufficiale.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia