Non soltanto calcio (e Lazio): la Dea pensa ai piccoli malati

Non soltanto calcio (e Lazio): la Dea pensa ai piccoli malati
14 Dicembre 2017 ore 11:10

Solidarietà, le parole del Papu in vista di Atalanta-Lazio e una sgambata di allenamento contro il Renate chiusa con un rotondo 4-1. Il giorno dopo la bella vittoria in rimonta strappata sul campo del Genoa, l’Atalanta è stata impegnata su tre fronti: fin dal mattino i protagonisti del mondo nerazzurro hanno cercato di rendere un po’ migliore la giornata di chi soffre in ospedale e dopo l’amichevole con la formazione allenata da Cevoli, che milita in Serie C, è toccato al numero 10 Gomez presenziare alla cerimonia di donazione di quanto ricavato dalla vendita della “Piada del Papu” nel negozio Casa Maioli in centro città.

 

 

Percassi, Raimondi e i giocatori in Pediatria. Durante la mattinata del giorno di Santa Lucia, il presidente Percassi ha guidato una nutrita delegazione nerazzurra composta da Raimondi, Caldara, Masiello, de Roon e Gollini tra le stanze del reparto di Pediatria dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo per consegnare regali e passare un po’ di tempo con i bambini che ogni giorno lottano come leoni per superare i loro problemi di salute. Le immagini che arrivano via social dal profilo ufficiale di Atalanta raccontano meglio di qualsiasi parola la gioia portata dai calciatori orobici; con la consegna di piccoli pensieri nerazzurri e qualche autografo, i piccoli degenti hanno potuto passare un po’ di ore di spensieratezza con il contributo anche di quegli angeli che sono gli “Amici della Pediatria”, capitanati dalla presidente Milena Lazzaroni. L’appuntamento si ripete ormai da alcuni anni e il rapporto tra la società nerazzurra e l’ospedale cittadino è consolidato: nei prossimi giorni, anche in altri nosocomi della provincia sarà replicata la stessa iniziativa a favore dei più piccoli.

Atalanta-Renate 4-1: tanti giovani in campo. Nel pomeriggio, con i titolari impegnati in una seduta di scarico, Gasperini ha fatto disputare agli elementi della rosa che normalmente giocano poco una sgambata di allenamento contro il Renate e la gara si è chiusa con una vittoria per 4-1. I marcatori sono stati Vido, Cornelius, Haas e Orsolini, mentre gli ospiti sono riusciti ad accorciare le distanze nella prima frazione di gioco grazie alla rete di Guido Gomez. L’Atalanta nel primo tempo è scesa in campo con Gollini tra i pali e un inedito 4-2-3-1 formato da Castagne, Mancini, Guth (difensore brasiliano classe 2000) e Gosens in difesa, Haas e Schmidt in mezzo al campo dietro a Orsolini, Vido e Kurtic, che si sono mossi vicino a Cornelius. Nella ripresa il tecnico di Grugliasco ha fatto entrare anche Rossi, Del Prato, Kulusevski e bomber Barrow, ma nonostante qualche buona occasione il risultato non è più cambiato e la gara si è chiusa con un 4-1.

 

 

Gomez, piada e beneficenza: donati seimila euro alla Pediatria. In serata, nel pieno centro di Bergamo, è arrivata un’altra bella cartolina di solidarietà a tinte nerazzurre. Il Papu Gomez è stato ospite di Casa Maioli (piadineria vicina all’Atalanta Store di via Tiraboschi) per consegnare il ricavato della vendita della sua piadina agli “Amici della Pediatria” di Bergamo. Le quasi settemila “Piade del Papu” vendute al pubblico hanno permesso di raccogliere 5.750 euro, che sono stati devoluti a favore dei bambini dell’ospedale di Bergamo. «Sono molto contento – ha detto il Papu Gomez ad Atalanta.it -, perché la cosa più importante è aiutare il prossimo, in questo caso la pediatria. Quest’anno abbiamo pensato a questa iniziativa con Casa Maioli e siamo veramente orgogliosi». I giornalisti presenti hanno poi strappato qualche battuta al numero 10 degli orobici in vista della sfida alla Lazio di domenica sera: «Abbiamo vinto a Genova e adesso vogliamo continuare, non faccio calcoli ma mi piacerebbe arrivare a 30 punti a fine del girone di andata: abbiamo le possibilità di farcela, l’anno scorso “girammo” a 32 e quindi saremmo in linea con l’ultimo risultato ottenuto». L’ultima battuta di Gomez è per il sorteggio di Europa League contro il Borussia: «In Europa abbiamo fatto davvero benissimo, in sei partite non abbiamo mai perso e abbiamo vinto il girone. Credo che una sfida come questa sia importante per tutto il popolo atalantino, giochiamo contro una squadra che ogni anno partecipa alla Champions League e andremo in campo con la voglia di arrivare più in alto possibile. Personalmente sto bene e mi sento in crescita, ho passato un novembre complicato per il problema al piede ma ora voglio tornare a fare gol».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia