Dopo la festa

Odissea del rientro in aereo da Dublino per alcuni tifosi: voli slittati di 12 ore

Dovevano partire alle 3 di notte, invece niente: ultrà accampati alla meglio nel terminal

Odissea del rientro in aereo da Dublino per alcuni tifosi: voli slittati di 12 ore
Pubblicato:
Aggiornato:

Foto da Facebook

Qualche disagio, per una trasferta di questo tipo, era inevitabile. Alcuni tifosi che hanno acquistato last minute il pacchetto volo più trasferimento con Ovet (al costo di 630 euro, più biglietto per la partita da acquistare a parte; con altre agenzie è stata superata addirittura la soglia di 900 euro) fino a martedì pomeriggio non sapevamo nemmeno se sarebbero riusciti a partire, e a che ora. «Colpa dell’aeroporto di Dublino», la spiegazione fornita. Alcuni sono stati fatti partire ieri, mercoledì 22 maggio, alle 3-4 del mattino, da Malpensa e non da Orio. E senza alcun trasferimento in pullman.

In ogni caso, tutti si sono potuti godere Atalanta-Bayer Leverkusen. E che partita: Europa League nella bacheca della Dea, dove finora c’era solo una Coppa Italia del 1963. Cori, brindisi e poi via: alle 3 di notte c’era il volo di rientro. Anche perché molti, oggi, giovedì 23 maggio, dovevano andare a lavorare.

Per la maggior parte dei bergamaschi l’aereo è partito in orario. Altri, invece, si sono trovati il volo slittato alle 10, alle 14 o alle 16.15. Peccato che ormai fossero già in aeroporto, a Dublino.

«Vorrei capire da Ovet Viaggi – scrive un bergamasco su Facebook - per quale motivo il volo di rientro dei tifosi atalantini da Dublino che era programmato alle 3 di notte è stato prima spostato alle 14 di oggi e poi alle 16, ma soprattutto perché nessun responsabile ha fornito assistenza lasciandoli a dormire in aeroporto (con i bar chiusi)».

«Anche io ancora qui in aeroporto – scrive un altro tifoso alle 9 di oggi -. Volo previsto alle 2.40 di notte e poi spostato alle ore 10 di oggi. Un altro volo partirà alle 14 e un altro alle 16.15… forse. Andremo a fondo di questa vicenda…».

Commenti
Michele

chi dice che i charter BorgoViaggi siano ancora di Ovet dice solo cavolate! Borgoviaggi ha affittato i charter in maniera indipendente dopo che Ovet ha chiuso le prenotazioni e di fatto liberato la vendita libera "non esclusiva"

Marino

Con 900€ vai nelle Americhe/asia e torni. Con 600€ vai in Thailandia con Ethiad. Basta dare soldi alla Ovet.

Giuseppe Boschini

Ma Ryan air non e' irlandese?... a parte le facezie....onore ai supporters e buon rientro...

Valeria

Responsabilità di tutti. Gestione molto speculativa della trasferta. Organizzare viaggi è un lavoro ma così è poco accettabile. I charter ovet sono stati i primi a essere venduti e ovet è l'unica agenzia partner

Ezio

Penso che un partner ufficiale debba dare garanzie, il resto sono chiacchiere. E quando passa la festa spero che Atalanta intervenga per rispetto dei tifosi: basta dilettanti

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali