Le pagelle: Maxi è il migliore Esti e Molina giornata no

Le pagelle: Maxi è il migliore Esti e Molina giornata no
Atalanta 05 Ottobre 2014 ore 18:21

Stavolta il più piccolo è il più grande. Gol fallito a parte, Maxi è l’uomo che ribalta l’inerzia del match nella ripresa e regala all’Atalanta una ripresa all’attacco. Da sottolineare la prova di Biava in difesa, sufficienze piene anche per Zappacosta, Dramè, Cigarini e Rolando Bianchi mentre finiscono dietro la lavagna Estigarribia, Molina e Boakye. Il pubblico? Sette pieno, sia ai bergamaschi che ai doriani.

Sportiello 6: mai impiegato nel primo tempo da conclusioni davvero pericolose, sul gol di Gabbiadini che schioda lo 0-0 pare piantato in area piccola e quando esce è troppo tardi. La ripresa è da disoccupato, nel finale compie un grande miracolo su Okaka lanciato a rete e tiene aperto il risultato fino alla fine.

Zappacosta 6,5: volontà e grinta a parte combina poco, pochissimo nel primo tempo nonostante dalla sua parte ci sia Cacciatore, mica Maicon. Al 41’ Eder lo salta netto, ci capisce poco, ma poi gioca una ripresa di grandissima intensità che lo riporta tranquillamente sopra la soglia della sufficienza.

Biava 7: bravo nelle sportellate con Okaka, sempre presente anche in anticipo quando l’avversario lo concede. La ripresa era decisamente pericolosa, ogni ripartenza della Sampdoria era un uno-contro-uno eppure lui ne esce sempre vincitore meritandosi la palma del miglior difensore di giornata tra i nerazzurri.

Benalouane 6: gara difficile da decifrare. Parte bene e al 4’ arpiona un pallone molto complicato con Gabbiadini che arrivava. In occasione del gol viene infilato dal lancio lungo di Obiang che pesca Gabbiadini sulla corsa. Sempre molto rude ma efficace. Nel finale è stanchissimo e paga qualcosa contro Okaka nell’occasione sventata da Sportiello. Anche perché da qualche minuto era stabilmente dalle parti di De Silvestri per fare l’attaccante aggiunto.

Dramè 6,5: stranamente timido e poco preciso, sulla ripartenza del vantaggio non sempre esente da colpe, ma nel complesso strappa la piena sufficienza: quantità veramente importante, per 97’ minuti è un motorino costante al servizio della squadra.

Estigarribia 4,5: primo tempo in linea con le ultime uscite. Poca propulsione, nessuna iniziativa e zero assist o tiri in porta. Esce giustamente nell’intervallo per Baselli, la Dea passa al 4-3-3. (dal 46’ Baselli 6: grande sostanza in mezzo nello schieramento a tre della ripresa. Non si vede al tiro, ma dai suoi piedi passano un sacco di palloni)

Cigarini 6,5: parte subito bene, lì in mezzo è l’unico che prova a costruire nonostante non ci siano grosse soluzioni nella prima frazione di gioco. La ripresa lo vede sempre al timone, non perde mai la bussola e fino alla fine cerca la giocata importante per i compagni. A 4 o a 3, imprescindibile.

Carmona 6: lotta con Soriano e Palombo ma non ci azzecca molto fino al riposo. Il livello si alza nella ripresa ed anche se si vede soltanto una grandissima quantità va detto che non molla un centimetro fino al fischio finale.

Molina 5: occasione mancata. Apre con un super aggancio al 13’ che resta un dettaglio in un primo tempo negativo. Ci prova con impegno ma i risultati sono quasi nulli, Colantuono lo sostituisce con Maxi ad inizio ripresa. (dal 46’ Maxi 7,5: il suo ingresso spacca la partita, al 64’ è sua la prima grande occasione del pomeriggio dopo una combinazione con Boakye e Denis ma il destro finisce sul fondo. Nel finale si vede a prender palla fin dall’area di rigore, cerca di dare qualità e ci riesce nonostante lo prendano a scarpate da ogni parte).

Boakye 5: primo tempo negativo, mai un appoggio e nessuno spunto degno di questo nome. Nel 4-3-3- della ripresa si muove un po’ meglio sulla destra ma non calcia mai in porta e nel finale al suo posto entra Bianchi. (dal 74’ Bianchi 6,5: questo è il suo ruolo, i finali di gara con avversari stanchi lo vedono sempre svettare. Cerca la porta ma anche i compagni e crea sempre situazioni interessanti).

Denis 6: prima frazione di gioco negativa, molto bene nella ripresa dove tutti i palloni più pericolosi passano dai suoi piedi: l’assist per Maxi, il destro rimpallato da Romagnoli e il colpo di testa nel finale che attraversa lo specchio e finisce sul fondo. Manca solo il gol, prestazione positiva.

All. Colantuono 6: media aritmetica tra le scelte del primo tempo (Estigarribia e Molina sbagliano completamente partita) e quelle del secondo (con il passaggio al 4-3-3 la Dea si trasforma). In questo momento i risultati lo penalizzano, ma la squadra comunque risponde alle sollecitazioni. Ora 2 settimane di lavoro e poi servono assolutamente tre punti contro il Parma.

Pubblico Bergamo 7: Arrivano a Genova in 332 e iniziano a farsi sentire alle 14.22 quando la squadra esce per il riscaldamento. Nel primo tempo non c’è molto da fare vista la pochezza nerazzurra. La ripresa vede un’Atalanta più in palla e fino alla fine i tifosi si fanno sentire salutando con tanti applausi la squadra che esce dal campo e si presenta sotto il settore ospiti per ringraziare.

Sampdoria: Viviano 6; De Silvestri 6,5, Silvestre 6, Romagnoli 6,5, Cacciatore 5,5; Soriano 6, Palombo 5,5, Obiang 6(62’ Rizzo 5); Gabbiadini 6,5 (72’ Bergessio 5), Okaka 6,5, Eder 6(50’ Fedato 5). All. Mihajlovic 6

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità