Nuovi volti in difesa

Per restare ai vertici la vera sfida di Gasp è in difesa: i sogni di gloria passano dai gol subiti

Il mercato della Dea finora si è concentrato soprattutto sul reparto arretrato: tre innesti e tre uscite (con Palomino, Toloi e Djimsiti ancora in rosa) rappresentano una rivoluzione importante

Per restare ai vertici la vera sfida di Gasp è in difesa: i sogni di gloria passano dai gol subiti
Atalanta 13 Agosto 2021 ore 07:12

di Fabio Gennari

Negli ultimi tre campionati, l'Atalanta ha chiuso rispettivamente con 16 (stagione 2018/19), 12 (2019/20) e 12(2020/21) gol subiti in più rispetto a chi è stato il più bravo di tutti in termini di tenuta difensiva. Due volte l'Inter e una volta la Juventus hanno infatti vinto la palma della miglior difesa grazie ad un numero di reti incassate inferiore rispetto a tutte le altre squadre, con una costante: la media gol subiti è sempre stata  inferiore a uno per partita con 30 per la Juventus (2018/19),  poi 36 (2019/20) e 35 (2020/21) per l'Inter.

Considerando che in avanti i giocatori di Gasperini trovano sempre una marea di soluzioni, è chiaro a tutti perché il mercato fino a questo momento abbia visto gli sforzi concentrarsi soprattutto nel reparto difensivo. L'Atalanta, seguendo le indicazioni del Gasp, ha cambiato il portiere titolare ingaggiando Musso al posto di Gollini con la piena convinzione da parte di tutti che una spesa (cash) da 20 milioni di euro valga bene un miglioramento importante in un ruolo che spesso risulta decisivo.

Al posto di Romero e Caldara sono poi arrivati Demiral e Lovato. Qui le incognite sono maggiori soprattutto per il livello raggiunto dall'argentino nell'annata scorsa, ma ancora una volta è stato Gasperini, dopo l'amichevole con il West Ham, a parlare con grande fiducia del turco nuovo arrivato. Il valore dei singoli giocatori è sempre importante, ma in una squadra di calcio, l'Atalanta lo ha sempre dimostrato, conta la capacità di fare gruppo e di "azzannare" le partite tutti insieme: per continuare a stupire bisogna incassare meno gol. Questo è il nuovo obiettivo della Dea.