Spinazzola, sospiro di sollievo ma con la Roma sarà fuori

Spinazzola, sospiro di sollievo ma con la Roma sarà fuori
Atalanta 11 Aprile 2017 ore 09:36

La notizia migliore, nel lunedì di lavoro al Centro Bortolotti di Zingonia, è arrivata da Leonardo Spinazzola. Insieme all’esterno di Foligno hanno lavorato a parte anche Caldara e Conti ma in prospettiva futura era il numero 37 di scuola Juventus a preoccupare particolarmente. Per fortuna i primi esami hanno escluso guai seri e lo stop potrebbe essere solo di una giornata: dal Bologna in avanti l’esterno sarà a disposizione.

 

 

Niente stiramento, grande sospiro di sollievo. All’inizio della settimana che porta a Roma-Atalanta poteva sembrare più logico ragionare sul sostituto di Gomez che sarà squalificato. Avremo tempo per farlo da domani e questo perché sono le condizioni dello straripante laterale sinistro uscito nell’intervallo della gara contro il Sassuolo a preoccupare maggiormente. Spinazzola lunedì è stato sottoposto ad una ecografia che ha fortunatamente escluso lesioni gravi e lo stiramento. Il ragazzo scuola Juve ha un semplice risentimento al muscolo ileo psoas, si tratta di un problema nella zona del retto femorale che necessiterà di ulteriori verifiche nella giornata di mercoledì attraverso una risonanza magnetica. Tradotto in parole povere, lo staff era molto preoccupato dopo la sfida di sabato scorso ma gli accertamenti hanno tranquillizzato tutti: se non dovesse farcela per Roma, Spinazzola dovrebbe tornare a disposizione per la successiva sfida interna al Bologna.

 

 

Non c’è un sostituto, a Roma Zukanovic? In rosa, quello di Spinazzola è uno dei due ruoli in cui Gasperini non ha un sostituto con caratteristiche simili. Sulla corsia mancina il senegalese Dramè è ormai ai margini da mesi e dopo qualche problema al ginocchio, un fastidio muscolare al polpaccio lo ha tenuto quasi sempre tra gli indisponibili. Adesso che sarebbe servito come il pane per dare il cambio a Spinazzola (a destra, per esempio, Conti lotta con Hateboer per un posto tra gli undici), il numero ’93 ex Chievo è completamente fuori dalle rotazioni. Come Konko. Dando per scontato il forfait a Roma di Spinazzola, il tecnico di Grugliasco ha poche alternative a disposizione. La scelta più immediata sembra quella di Zukanovic con uno schieramento un po’ più coperto. Da quella parte ha giocato qualche volta anche Raimondi (altro elemento che ormai da mesi è fuori dalle rotazioni del Gasp) e poi rimane il solo Cabezas, che però è tanto acerbo quanto più portato ad offendere per pensare di vederlo nei panni del terzino basso.

 

 

Caldara e Conti da valutare, ecco le alternative. Scorrendo la lista dei giocatori che si sono allenati a parte troviamo anche Caldara e Conti. L’esterno lecchese è uscito nella ripresa per crampi, in rosa c’è Hateboer che scalpita e considerando che anche durante la sosta le sue condizioni sono state monitorate dopo alcuni guai fisici è verosimile pensare che il giovane olandese possa aiutare la squadra facendo rifiatare un po’ il compagno. Caldara è reduce da una gara molto difficile: prima l’errore in disimpegno che ha favorito il vantaggio del Sassuolo e poi il destro da dentro l’area di rigore che Consigli ha messo in angolo scongiurando il 2-1 hanno segnato il suo pomeriggio al Comunale e anche se non è al meglio la sensazione che possa tornare in campo senza intoppi dal primo minuto è molto forte. Dunque i problemi veri di Gasperini sono sulle corsie esterne. Conti e Spinazzola per motivi diversi potrebbero non essere a disposizione e l’Atalanta sul campo della Roma dovrà trovare degni sostituti per non incappare in una brutta figura.