Atalanta

Stasera c'era la Festa della Dea (8 video per riviverla insieme)

Stasera c'era la Festa della Dea (8 video per riviverla insieme)
Atalanta 07 Luglio 2016 ore 11:05

Questa sera sarebbe dovuta iniziare la quindicesima edizione della Festa della Dea, la manifestazione di sei giorni che per anni ha riscaldato i cuori degli atalantini e dei bergamaschi prima del ritiro dell'Atalanta a Rovetta. Ma, come è noto, la Festa della Dea quest'anno non ci sarà. Lo avevano comunicato all'inizio di maggio i ragazzi della Nord sul profilo Facebook Sostieni la Curva, spiegando che avrebbero rinunciato ad organizzarla per rispetto verso gli amici colpiti da misure altamente repressive. Uno su tutti il leader "Bocia" Galimberti, sottoposto a sorveglianza speciale. L’edizione 2015 resterà dunque l’ultima di quelle organizzate a OrioCenter (le altre location che in passato hanno ospitato la festa sono state Pedrengo e Dalmine) e in attesa di capire cosa accadrà in futuro, BergamoPost ha pensato di ricordare le emozioni di quei giorni con 6 articoli tutti da gustare. Con il raduno fissato domenica 10 luglio, la Festa della Dea si sarebbe dovuta svolgere da giovedì 7 luglio a martedì 12 luglio: ogni giorno parleremo di un argomento diverso, faremo il pieno di foto e video per sottolineare ancora una volta come la kermesse organizzata dagli ultras atalantini sia diventata col tempo la più grande manifestazione di popolo dell’intera provincia.

 

 

La gente della Festa della Dea. Iniziamo dalle migliaia di volti e di mani alzate al cielo che per quasi una settimana squarciavano il cielo sopra Bergamo cantando l’Atalanta. La Festa della Dea è la festa della gente. Organizzata in modo impeccabile da tanti volontari che per alcuni giorni dedicano tutto il loro tempo libero alla riuscita della manifestazione. Arrivando a OrioCenter nelle sere della Festa, il brulicare di persone e gli striscioni mettevano già di buon umore.

Sotto i tendoni ristorante e birreria una marea di persone di ogni età ed estrazione sociale si ritrovavano a parlare di Atalanta e a cantare a squarciagola. Alla Festa della Dea ci si ritrovava tutti uniti, la passione per l’Atalanta è sempre stata il denominatore comune, ma è capitato molte volte di trovarsi fianco a fianco con chi dell’Atalanta conosceva poco o nulla e magari era solo curioso di vedere cosa accadesse davvero in un posto magico dove si arriva con tante aspettative e, per 6 giorni, si tornava a casa senza voce e con una valanga di emozioni dentro.

 

 

Lo spettacolo dal palco: una marea umana. Nessuno ha mai contato con precisione i partecipanti, tutti però sono consapevoli del fatto che da nessun altra parte si ritrovassero così tante persone per divertirsi e stare in compagnia. La media di presenze, almeno da quando la Festa è stata organizzata a Dalmine e OrioCenter (a Pedrengo gli spazi erano decisamente diversi), si è sempre aggirata intorno alle 10mila persone a sera in media e per capire bene di cosa si parla bisognava osservare tutto dal palco: parliamo di 800-900.000 persone totali da quando viene organizzata.

Ci sono tante fotografie, tanti video ma soprattutto tanti ricordi che vanno in una direzione comune: le mani alzate dei bergamaschi assiepati sotto il palco della Festa della Dea sono qualcosa di indescrivibile. L’atmosfera coinvolgeva tutti, per un paio d’ore ogni sera lo sguardo della gente era rivolta al palco e indipendentemente dagli ospiti, dai gruppi che sfilavano, da quello che accadeva la sensazione era sempre la stessa: un abbraccio collettivo e totale della gente atalantina.

 

 

Dietro le quinte: circa 200 i volontari. Per tanta gente che si diverte, ci sono sempre stati anche tanti ragazzi che lavoravano dietro le quinte, maschi e femmine che intervenivano quando serviva una mano e che magari sfuggivano agli occhi dei più. Il gruppo organizzatore iniziava la Festa molto prima della prima serata e finiva di sistemare tutto molto dopo la chiusura con il presidente Percassi e la dirigenza. Un lavoro dietro le quinte che quest’anno, non essendoci la nuova edizione da imbastire, è mancato a tutti in maniera totale.

 

 

 

 

 

 

Seguici sui nostri canali