Standing ovation per Jack Bergamo gli perdona due gol

Standing ovation per Jack Bergamo gli perdona due gol
Atalanta 30 Maggio 2015 ore 15:14

Atalanta-Milan si conclusa al Comunale con la vittoria dei rossoneri per 3-1. Protagonista della serata Jack Bonaventura che ha segnato una doppietta ed è uscito fra gli scroscianti applausi del pubblico di Bergamo. L'altro gol del Milan è stato siglato da Pazzini su rigore, un altro ex, dopo che nel primo tempo i nerazzurri erano andati in vantaggio con Baselli. L'Atalanta ha combattuto fino alla fine, ma non è riuscita a regalare ai suoi tifosi la vittoria sperata. Anche Pippo Inzaghi, alla sua ultima partita sulla panchina del Milan, è uscito dal campo fra gli applausi della Curva Nord. Una bella festa con la tifoseria ancora una volta protagonista in positivo.

 

-----------------------

Le squadre sono rientrate in campo dopo l'intervallo. Il Milan è in vantaggio sull'Atalanta grazie ai gol di Pazzini e Bonaventura, due ex, che hanno risposto al vantaggio nerazzurro siglato al 14' da Baselli. Non ci sono state sostituzioni.

6' - Denis mette a lato di testa dopo una bella azione. L'Atalanta è ripartita con slancio nel tentativo di recuperare lo svantaggio. Ottima la prova di Gomez e di Zappacosta.

11' - Masiello primo ammonito della partita. Reja chiede una linea più alta alla squadra ma il Milan è pronto nelle ripartenze.

14' - Ammonito Cigarini che allontana il pallone in un gesto di stizza.

15' - La partita si infiamma dopo un fallo di Paletta su Maxi Moralez. L'Atalanta continua a spingere alla ricerca del pareggio. L'arbitro Pinzani costretto a intervenire spesso.

20' - Sostituito Baselli, dopo una buona gara. Al suo posto è entrato Scaloni.

21' - Grande occasione per l'Atalanta, ma la difesa milanista riesce a evitare in extremis il tiro ravvicinato di Gomez. El Shaarawy sostituito da Poli.

Il ritmo della partita si è fatto meno intenso anche se i nerazzurri continuano a premere.

33' - D'Alessandro prende il posto di Zappacosta, protagonista di un'ottima prestazione.

34' - Altro gol di Bonaventura dopo un'azione sul filo dell'off side. Prima ha colpito il palo da distanza ravvicinata e poi ha battuto Sportiello.

40' - Stupenda coreografia della Curva Nord che a pochi minuti dalla fine sventola il nuovo Bandierù. Il risultato non ha fiaccato l'entusiasmo dei tifosi nerazzurri.

44' - Bonaventura esce fra scroscianti applausi. Il pubblico di Bergamo lo saluta con grande calore e affetto. "Proprio il giorno in cui ne vorresti segnare di meno ne fai due", ha detto Jack ai compagni, accomodandosi in panchina.

---------------

E' cominciata in un clima di festa l'ultima partita della stagione atalantina contro il Milan, tra le suggestive coreografie della Curva Nord e il sostegno di tutto lo stadio.

4' - Il primo tiro in porta è dell'ex Bonaventura. Sportiello para con facilità.

7' - Baselli vicinissimo al gol su lancio di Cigarini. Abbiati rimedia uscendo a valanga.

14' - Altra occasione per Baselli. L'Atalanta aggredisce a centrocampo e la partita è gradevole.

17' - Zappacosta vola sulla fascia e crossa al centro, Denis stacca e colpisce sicuro ma la palla si stampa sulla traversa.

20' - Ancora Zappacosta protagonista, nuovo cross e Baselli trova il tempo giusto per l'inserimento: perfetto colpo di testa e Abbati è battuto.

25' - Infortunato Del Grosso che deve abbandonare il campo. Al suo posto entra Cherubin. Il Milan sta provando a reagire, ma finora non ha creato pericoli dalle parti di Sportiello. Il più pericoloso è El Shaarawy.

32' - Prima azione pericolosa dei rossoneri: Cigarini salva sulla linea di porta dopo un colpo di testa di Mexes. L'Atalanta ora è arretrata e il Milan attacca con decisione.

34' - Masiello atterra Pazzini in area: rigore, che l'ex trasforma spiazzando Sportiello.

37' - Palo di Pazzini che lotta in area e Bonaventura a un passo dalla porta sigla il vantaggio del Milan. Jack non esulta. In tre minuti il Milan ha ribaltato la situazione.

Negli ultimi minuti si è rivista l'Atalanta in attacco. In un paio di circostanze la difesa rossonera è andata in affanno.

 

------------

L’ultima occasione per battere una grande, tre punti per raggiungere quota 40 e festeggiare degnamente una stagione zeppa di contrattempi. Il campionato 2014/2015 dell’Atalanta si chiuderà questa sera allo stadio Comunale di Bergamo contro il Milan: il fischio d’inizio è fissato per le 20.45 e nel catino di Viale Giulio Cesare sono attese almeno 17mila persone. Quasi tutte di nerazzurro vestite.

Gli avversari. Rispetto ai fasti del passato, il Milan che arriverà a Bergamo è sicuramente una formazione che l’Atalanta può battere. La squadra rossonera ha conquistato 49 punti in classifica, è al decimo posto e subisce da mesi la contestazione di parte della sua tifoseria. Il presidente Berlusconi aveva fatto capire di essere disposto a cedere una parte delle azioni del Milan, ma alla fine non ha accettato nessuna offerta (cinesi e thailandesi sembravano ad un passo dall’acquisizione) e le operazioni per il futuro sono già iniziate: Ancelotti potrebbe essere il nuovo mister.

Sarà l'ultima di Inzaghi? In panchina, forse per l’ultima volta con la squadra rossonera, siede Filippo Inzaghi. Il grande bomber italiano non ha dimostrato di essere pronto per una panchina così prestigiosa, c’è tuttavia curiosità per vedere come verrà accolto a Bergamo per la prima volta da allenatore l’uomo che nel 1996/1997 si laureò capocannoniere della Serie A con ben 24 reti in maglia atalantina.

 

 

Il ritorno di Jack. Tra i giocatori del Milan da tenere d’occhio ci sono sicuramente i due talenti El Shaarawy e Bonaventura. Il primo è tornato in gol contro il Torino nell’ultimo turno dopo mesi di grandi problemi fisici e pochissime soddisfazioni. Il secondo, invece, sarà sicuramente accolto con un grande applauso dal pubblico orobico che lo ha visto crescere e spiccare il volo verso una grande (almeno sulla carta) squadra.

I precedenti. Atalanta e Milan a Bergamo si sono incontrate ben 53 volte nel campionato di serie A. Le vittorie interne della squadra nerazzurra sono state 12, quelle del Milan 21 mentre è arrivato il pareggio in 20 circostanze. Anche il bilancio personale di Reja contro il Milan è negativo e vede 3 vittorie e 5 sconfitte, con 5 pareggi a completare la statistica dei 13 precedenti.

Un anno fa Brienza. L’ultima vittoria dell’Atalanta a Bergamo contro il Milan è vecchia di appena un anno. Era l’11 maggio del 2014 e in quella gara fece tutto la squadra di Colantuono. Dopo un primo tempo equilibrato, lo 0-0 venne rotto dall’autogol di Gian Paolo Bellini. L’Atalanta riuscì a pareggiare i conti con il rigore di Denis, ma quando tutti pensavano al sesto pareggio stagionale contro Balotelli e compagni, ecco il colpo d’artista di Franco Brienza con la palla che si spegne all’incrocio e vale il 2-1. Al 95esimo.   https://youtu.be/hXLTQVnVPGk   L'ultimo successo del Milan. Il Milan ha vinto a Bergamo nella stagione precedente (2012/2013). era il 27 gennaio 2013 e nel freddo del Comunale decise la gara proprio El Shaarawy su assist di Mario Balotelli. La Dea stava vivendo un finale di girone di andata decisamente complicato, e contro Milan, Lazio e Juventus arrivarono solo sconfitte.

 

https://youtu.be/BKhx5Nk3xrk

 

Il pareggio del 2009. Per trovare l’ultimo pareggio tra Atalanta e Milan bisogna risalire al 3 ottobre del 2009, ultimo campionato di Serie A dei nerazzurri prima dell’inizio dell’era Percassi. A Bergamo i bergamschi passarono in vantaggio dopo 20 minuti con Tiribocchi, a fine primo tempo una doppia ammonizione costrinse Radovanovic a lasciare il campo e dopo un’occasione per parte (Pato e Manfredini) e una traversa dello stesso Pato, ad una manciata di minuti dal termine pareggiò i conti Ronaldinho. Curiosità: in quel match erano in campo sia Seedorf che Inzaghi, gli ultimi due allenatori del Milan.

 

 

Le scelte di Reja. «Pinilla e Carmona erano a Barcellona per delle cure, non credo che ci saranno. Denis è molto carico, in settimana mi ha continuamente guardato mentre davo le pettorine e ha una grandissima voglia di fare gol. Grassi? Ha fatto bene, credo che lo riproporrò. Mi dispiace non poter accontentare tutti ma si gioca in 14, comprese le sostituzioni. Alla cena ho visto grande affiatamento, il gruppo mi ha quasi commosso». Con queste pillole sparse, il tecnico atalantino Edy Reja ha parlato in conferenza stampa della formazione che affronterà i rossoneri. Scontato l’impiego di Sportiello in porta (Avramov e Frezzolini a Palermo hanno avuto la loro vetrina), in difesa potrebbe esserci spazio per Scaloni sulla destra con Biava (o Benalouane) al centro insieme a Masiello e Del Grosso a sinistra.

Le scelte davanti. Nel cuore della manovra, Grassi (classe 1995) è sicuro di giocare mentre Baselli e Cigarini contendono gli altri due posti a Migliaccio ma anche a Moralez. Il piccolo argentino resta in lizza anche per una maglia in attacco con Denis (al rientro dopo le cinque giornate di squalifica subite per il pugno a Tonelli) e uno tra Gomez e D’Alessandro.