atalanta-brescia

L’Atalanta ne fa sei e Pasalic concede il tris. Brescia travolto

L’Atalanta ne fa sei e Pasalic concede il tris. Brescia travolto
12 Luglio 2020 ore 20:56

SECONDO TEMPO

90′ – Fischio finale. L’Atalanta ha battuto il Brescia 6-2. Troppa la differenza fra le due squadre: il Brescia ha tenuto il campo per 25 minuti, poi la Dea è decollata. 93 i gol segnati dai nerazzurri in campionato.

88′ – OCCASIONE PER L’ATALANTA. Colley scodella in area per Piccoli che solo davanti al portiere calcia al volo sul fondo!

82′ – GOL DEL BRESCIA. Tameze sbaglia completamente il disimpegno, Tonali recupera e tocca per Spalek, che con un diagonale incrociato batte Rossi.

79′ – Entra anche Rossi, terzo portiere dell’Atalanta.

73′ – Cambi effettuati: fuori Malinovskyi, Castagne e Djimsiti. L’Atalanta gestisce la partita abbassando i ritmi. Gara che ormai ha pochissimo da dire. Il Brescia bada soprattutto a non prendere il settimo gol.

72′ – OCCASIONE PER L’ATALANTA. Grande giocata di Colley che fa tutto bene, ma sbaglia la conclusione sparando alto.

71′ – Gasperini prepara i cambi e fa spazio ai giovani, pronti a entrare Bellanova, Czyborra e Piccoli.

58′ – GOL DELL’ATALANTA. Di nuovo Pasalic. Questa volta l’assist è del giovane Colley dopo un recupero di Tameze: sinistro vincente da pochi passi e arriva anche il sesto gol!

57′ – OCCASIONE PER L’ATALANTA. Finta a rientrare e destro a giro di Gosens: palla che passa non lontana dal secondo palo.

55′ – GOL DELL’ATALANTA, ancora Pasalic. Gran palla di Malinovskyi in area per il croato, che passa alle spalle di Chancellor non sbaglia!

46′ – Pronta risposta dell’Atalanta con tiro finale di Malinovskyi parato da Andrenacci.

45′ – Il Brescia  riparte all’attacco, bella azione in area bloccata da Sportiello.

Nell’Atalanta entra Colley al posto di Zapata.

 

PRIMO TEMPO

45′ – Finisce il primo tempo con la Dea in vantaggio per 4-1. Netta la superiorità della squadra di Gasperini anche se il Brescia fino al 25′ ha tenuto il campo in maniera ordinata rendendosi pericoloso in contropiede. Alla rete iniziale di Pasalic ha risposto Torregrossa approfittando di un erroraccio di Caldara. Poi l’Atalanta ha cominciato a macinare gioco ed è riuscita ad andare a segno per tre volte in cinque minuti con De Roon, Malinovskyi e Zapata.

37′ – OCCASIONE PER L’ATALANTA con Gosens. Cross a rientrare di Castagne per il tedesco, che sul secondo palo calcia al volo dalla linea di fondo: sinistro contro l’esterno della rete.

30′ – GOL DELL’ATALANTA: Zapata. Cross di Gosens e tuffo di testa del colombiano che da pochi passi batte nuovamente Andrenacci. 4-1

27′ – GOL DELL’ATALANTA: siluro di Malinovskyi da fuori area e la palla di infila all’angolino basso senza lasciare scampo ad Andrenacci! Tutti in piedi ad applaudire.

25′ – GOL DELL’ATALANTA. Azione in velocità fra Gosens, Zapata e De Roon, conclusa dall’olandese con un destro che si insacca alle spalle di Andrenacci.

15′ – Il pallino del gioco è dell’Atalanta, che però fatica a trovare spazi nella munita retroguardia bresciana.

8′ – GOL DEL BRESCIA: Torregrossa! Altro grave errore di Caldara e l’attaccante bresciano stavolta, con un sinistro preciso, supera un incolpevole Sportiello. Assist di Donnarumma. Pareggio! Partenza disastrosa di Caldara.

3′ – OCCASIONE PER IL BRESCIA. Errore di Caldara da ultimo uomo e Torregrossa si trova a tu per tu con Sportiello. Il portiere nerazzurro allarga le braccia e riesce a sventare l’assalto.

2′ – GOL DELL’ATALANTA: Pasalic! Assist in area di Malinovskyi per Pasalic che calcia di prima e supera Andrenacci con un destro sul primo palo.

 

LE FORMAZIONI UFFICIALI

Atalanta (3-4-1-2): Sportiello; Sutalo, Caldara, Djmsiti; Castagne, De Roon, Tameze, Gosens; Malinovskyi, Pasalic, Zapata. All. Gasperini.

Brescia (4-4-2): Andrenacci, Mateju, Chancellor, Mangraviti, Spalek, Semprini, Bjarnason, Viviani, Dessena, Torregrossa, Donnarumma. All. Lopez.

 

IL PREPARTITA

Atalanta-Brescia in queste condizioni non si può considerare un derby. Per due motivi: il primo, per la troppa differenza tra le due formazioni. Le rondinelle finiranno probabilmente in Serie B. Il secondo motivo, invece, è umano. Brescia al pari di Bergamo è stata la città più colpita dal Covid e come Bergamo ha saputo reagire allo stesso modo con dignità, senza piangersi addosso. Bergamaschi e bresciani sono fatti della stessa pasta vivendo la tragedia da gemelli. Questa sera, l’unico motivo di interesse della gara sono i tre punti per i nerazzurri (un tifoso bresciano ha persino scritto a Gasperini chiedendo di non infierire sul risultato) che porteranno in dote la certezza della Champions con cinque giornate di anticipo. Cosa da non credere! La gara permette a Gasperini di ruotare un po’ di giocatori e di rivedere titolari alcuni nerazzurri di prospettiva come Tameze e Sutalo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia