Toto formazione per Genova (ora che sono tornati tutti)

Toto formazione per Genova (ora che sono tornati tutti)
12 Settembre 2019 ore 09:12

E adesso che sono tornati tutti, chi gioca? L’Atalanta di Gasperini si allenerà per la prima volta a Zingonia questo pomeriggio (campo numero 5, sprovvisto di tribuna e quindi chiuso al pubblico) con i ranghi completi. A undici giorni dalla gara persa contro il Torino, il tecnico della Dea ritroverà tutti i Nazionali di rientro dagli impegni in giro per il mondo e parte dunque il toto-formazione per Genoa e Dinamo Zagabria.

 

 

Primo comandamento: giocano i migliori. Nella sua storia a Bergamo, il neo cittadino onorario Gian Piero Gasperini ha sempre dimostrato di non fare troppi calcoli. La prossima partita è la più importante, giocano sempre i migliori e l’unico giudice è il campo di gioco: fai bene in allenamento, scendi in campo la domenica. Lineare e senza fronzoli. Siccome la scorsa settimana c’erano solo otto giocatori della prima squadra a disposizione (e si gioca in undici) è chiaro che qualche ragionamento sui Nazionali andrà fatto e probabilmente peserà il minutaggio. In difesa non ci sono grandi problemi da questo punto di vista e a parte Toloi che è in dubbio, Masiello e Palomino sono sicuri di una maglia, mentre per il terzo posto se la giocano Djimsiti (favorito) e Kjaer. In mezzo al campo, sia Freuler che de Roon sono rimasti in panchina con Svizzera e Olanda nel secondo match di inizio settimana e quindi possono giocare al pari di Gosens e Hateboer (Castagne sarà al massimo in panchina), davanti invece c’è da usare il bilancino e le scelte sono tutt’altro che fatte.

 

 

Secondo comandamento: vietato rischiare. I quattro attaccanti che si giocano il posto sono Gomez, Zapata, Muriel e Ilicic. Di questi, l’unico a non aver viaggiato è Gomez (scenderà certamente in campo a Genova), mentre allo sloveno numero 72 sono toccati gli straordinari nella doppia vittoria contro Polonia e Israele. I due colombiani sono entrati solo nei venti minuti finali a Tampa contro il Venezuela ma hanno dovuto fare un viaggio abbastanza lungo per rientrare a Bergamo. Gasperini per il tridente ha a disposizione anche l’ucraino Malinovskyi, il croato Pasalic e il gambiano Barrow: uno di loro potrebbe anche giocare. Con Malinovskyi in campo, Gomez si sposterebbe in attacco con uno tra Zapata (favorito) e Muriel in campo dall’inizio a Marassi. In questo modo, Ilicic e un colombiano potrebbero riposare un po’ in vista della gara di Zagabria: avere alternative, a questi livelli e alla vigilia di cicli così tosti, è una risorsa enorme.

 

Terzo comandamento: giocare e gestire. In partite come quelle di Genova, contro una squadra che non lesina la manovra e se la gioca a visto aperto, l’Atalanta può fare molto bene. Questo significa provare subito a mettere in pratica il proprio gioco ma essere anche nella condizione di gestire i vari momenti della partita per non sprecare energie fisiche e mentali. Evitare lo svantaggio, cercare di tramutare in gol le occasioni create e provare ogni tanto anche ad addormentare la partita sono caratteristiche delle grandi squadre che la Dea deve fare proprie. Che i nerazzurri tirino un sacco di volte verso la porta avversaria ormai è una certezza, che arrivino occasioni con diversi protagonisti e che la squadra sia sempre molto propositiva è altrettanto vero, ma in certi momenti sarà decisivo anche pensare al risultato e non solo al bel gioco. Durante la gara non ci stupiremmo di vedere Arana dare il cambio a un esterno, o Pasalic a un centrocampista, o Kjaer ad un difensore: pochi giorni dopo c’è l’esordio in Champions League, serve la mano di tutti.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia