Menu
Cerca
L'editoriale di Xavier Jacobelli

Un altro anno di gloria. E come dice PrimaBergamo, il meglio deve ancora venire

Un altro anno di gloria. E come dice PrimaBergamo, il meglio deve ancora venire
Atalanta 23 Maggio 2021 ore 23:14

di Xavier Jacobelli

Zero tiri in porta nel primo tempo; nessuna parata di Gollini degna di questo nome, ma portiere nerazzurro salvato dal palo su Leao nella ripresa; gigantesco catenaccio rossonero e finale burrascoso costato l’espulsione a De Roon. Alla fine, vince il Milan che va in Champions con l’Inter, l’Atalanta e la Juve. Meritava di arrivare seconda, la Dea, castigata due volte su rigore da Kessie, grande ex, implacabile dal dischetto, degno mattatore della stagione dei rossoneri, di nuovo nel massimo torneo continentale dopo sette anni. Per contro, la sesta sconfitta in campionato non inficia minimamente il giudizio finale sulla quinta, consecutiva stagione di grande bellezza atalantina.

Questo è il terzo posto di fila dei bergamaschi: suggella un’annata magnifica, coronata dalla terza qualificazione consecutiva alla Champions, dal miglior attacco di questo torneo (90 gol, di cui 77 su azione), come il migliore era risultato nell’ultimo (98). Ha perfettamente ragione Luca Percassi, le cui parole sono scolpite a Zingonia: «Celebriamo una grande e straordinaria stagione sportiva. Sappiamo da dove veniamo, lo sanno tutti i tifosi dell’Atalanta. Parlare di ciliegina è riduttivo, se penso a cosa abbiamo vissuto in un anno solare vedo l’Atalanta due volte in Champions League, i quarti con il Psg, gli ottavi con il Real, la seconda finale di Coppa Italia in tre edizioni. Di motivi per festeggiare ne vedo moltissimi». Siamo assolutamente d’accordo con l’amministratore delegato, uno dei grandi artefici di questi anni di gloria.

E, soprattutto, sono d’accordo i tifosi che, prima e dopo la partita, hanno salutato l’Atalanta con una strepitosa manifestazione d’affetto. Questa Atalanta è l’orgoglio di Bergamo e dei bergamaschi. E, come dice PrimaBergamo, il meglio deve ancora venire. Ripeterlo, porta bene.