Sempre in trasferta

Como e Venezia, due delle neopromosse, giocheranno altrove le prime gare in casa

Gli impianti di comaschi e lagunari sono da sistemare e serve un trasloco temporaneo. I primi andranno a Verona, i secondi... a Salerno

Como e Venezia, due delle neopromosse, giocheranno altrove le prime gare in casa
Pubblicato:
Aggiornato:

di Fabio Gennari

Estate, tempo di studio delle prossime avversarie di Serie A ma anche di curiosità legate agli impianti che si andranno a visitare al seguito della Dea. Le tre compagini salite dalla B sono Parma, Como e Venezia e tutte e tre hanno in programma importanti evoluzioni dei rispettivi stadi, con la situazione dei gialloblù che sembra la più definita.

Il Tardini sarà infatti completamente rinnovato, ma a partire da giugno 2025: per ben 27 mesi (quindi quasi tre stagioni per i Ducali in trasferta) ci sarà un restyling completo che regalerà un impianto da poco meno di 21 mila posti.

Diversa la situazione di lagunari e comaschi: per entrambe le matricole sono in programma interventi immediati, con le prime gare (probabilmente un paio) che saranno giocate in trasferta. Il Sinigaglia di Como è l'impianto più complicato da sistemare, le aree di intervento sono molte e c'è anche la capienza da alzare ad almeno 12 mila posti: i lavori partiranno a luglio e nel frattempo l'impianto scelto per le gare interne è il Bentegodi di Verona.

Per il Venezia, promossa dopo i play-off vinti con la Cremonese, fino a quando lo stadio (che era già stato usato per la A di un paio di stagioni fa) non sarà sistemato per il nuovo massimo campionato ci sarà la necessità di giocare le sfide interne addirittura a Salerno. Dopo la promozione è stato infatti richiesto di giocare all'Arechi, dalla Campania è arrivato l'ok e quindi il Venezia si trasferirà lontano da casa per alcune partite interne della prossima stagione.

Commenti
Marcello

E ora capiranno tutti l'importanza di avere uno stadio di proprietà e perfettamente a norma. E l'Atalanta ha tutte e due lo cose. Ed è un'eccezione, in Italia!

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali