Ma vi pare un caso di Stato un rigore (che non c’era)?

Ma vi pare un caso di Stato un rigore (che non c’era)?
01 Novembre 2019 ore 08:16

«Fabio, il calcio è una cosa e la commedia è un’altra cosa».

Il Bepo arriva al solito caffè con la faccia molto contrariata. L’episodio di cui tutti stanno parlando relativo al contatto Kjaer-Llorente sta facendo molto discutere, ma il livello del casino che si è scatenato è inaccettabile. Semplicemente inaccettabile.

«Dimmi tutto Bepo, proviamo a capire assieme».

«Ti faccio qualche domanda da profano Fabio, pronto?».

«Vai».

«Punto primo: nel regolamento del calcio è scritto da qualche parte come si deve difendere?».

«No, si parla solo di falli e scorrettezze. Non di postura del corpo o del fatto se si guarda o meno la palla…».

«Bona, quindi la gomitata dell’attaccante del Napoli è il primo fallo di quell’azione?».

«Esattamente».

«E alura ghe negot de parlà (allora non c’è niente da dire): Giacomelli sbaglia a non fischiare fallo contro il Napoli. Il resto è una commedia».

«Che non fa ridere nessuno, Bepo. Io ero allo stadio e dal vivo sembrava rigore. Il direttore di gara ha fatto subito cenno di proseguire. Quindi ha visto, valutato e deciso. Era a pochi metri. Evidentemente ha notato la gomitata e tutto il resto, ma ha scelto di non fermare il gioco».

«E noter m’ha segnat ol 2-2 (e noi abbiamo segnato il 2-2)».

«Questo non giustifica però una gazzarra simile. Io avrei fatto una cosa molto semplice, anche se il regolamento non lo prevede…».

«Spiega Fabio, spiega».

«Giacomelli dopo il gol di Ilicic poteva andare al Var a vedere le immagini mantenendo la stessa decisione. Avrebbe dimostrato a tutti che, anche se il protocollo che in pochi conoscono e di cui tutti parlano non lo richiede, si metteva per un attimo in discussione salvo poi restare sulla sua posizione…».

«Brao giornalista, sarebbe stata la cosa migliore…».

«Io capisco chi è allo stadio e non vede i replay, passare da un potenziale 3-1 ad un 2-2 è clamoroso, ma bisogna capire che i direttori di gara hanno dietro uomini che si interfacciano con la tecnologia e decidono con un sacco di elementi in più».

«Pota ma dopo ghè ol regolament (ma poi c’è il regolamento): se colpisci o tenti di colpire è fallo, quindi è Llorente che commette una scorrettezza».

 

 

«Bepo, fammi anche puntualizzare una cosa: Ancelotti ha detto che la gomitata avviene dopo che Kjaer cintura Lllorente. Non è assolutamente vero: il centravanti spagnolo prende in piena fronte con il gomito Kjaer senza che il danese lo abbia ancora sfiorato. È messo male con il corpo? Può darsi. Pensa solo ad andare sull’uomo? Può darsi. Ma senza contatto questi due dettagli non contano nulla. E smettono di valere quando Llorente colpisce Kjaer».

«Fabio che sensazione hai provato dopo la partita in sala stampa?».

«Frustrante. Davvero una roba brutta. Il presidente del Napoli ha parlato davanti alle telecamere di Sky di come lui e gli altri presidenti devono essere ascoltati di più perché mettono soldi nel calcio e finanziano anche l’Associazione Arbitri. Mi sembra un livello di protesta incredibile».

«Hai ragione. Il Napoli ha giocato meglio e meritava di vincere, ma l’Atalanta ha strappato un punto perché non muore mai…».

«Verissimo, anche io ne ho scritto e non cambio idea. Però se quando puoi farlo non chiudi la partita è inutile che ti attacchi a un episodio che dalle immagini si capisce molto bene. E quasi scappa pure il 2-3».

«Pota Fabio, cafè e amaro e m’ha parlat adoma del rigore… (abbiamo parlato solo del rigore)».

«Pota Bepo, ghe ergù che l’ha facc aposta un’interogasiù parlamentare. Laur de macc… (qualcuno ha fatto addirittura un’interrogazione parlamentare, roba da matti)».

«Lasemei parlà: il sistema vuole favorire l’Atalanta, ho sentito anche questa, ma dobbiamo essere più forti di tutto e pensare al Cagliari. Questi valgono il Napoli, lo dice la classifica».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia