Attualità
L'ordinanza

A Monte Isola potranno sbarcare massimo 80 bici al giorno

Chi vorrà approdare con il proprio velocipede, lo potrà fare solo previa prenotazione

A Monte Isola potranno sbarcare massimo 80 bici al giorno
Attualità 30 Giugno 2022 ore 12:47

Saranno al massimo ottanta i velocipedi che ogni giorno potranno sbarcare a Monte Isola dal 16 luglio al 18 settembre 2022. Dopo il divieto totale di sbarco biciclette di qualsiasi tipo e monopattini elettrici della scorsa stagione, ordinanza che tanto aveva fatto discutere le associazioni ambientaliste, perché il provvedimento era stato visto come contrario a principi di mobilità dolce e sostenibile, il Comune sembra propendere quest’anno per una soluzione intermedia, che cerchi di contemperare gli interessi e la sicurezza di turisti, appassionati di ciclismo, ma anche di chi avesse voglia di farsi anche solo una pedalata con il proprio mezzo.

Per gestire le presenze sull’isola, il comune e la Società Navigazione Lago d’Iseo hanno messo a disposizione di chi vorrà sbarcare con la bici un sito di prenotazioni. Chi vorrà approdare con il proprio velocipede, lo potrà fare solo previa prenotazione, attraverso il portale www.visitlakeiseo.info, visionando, di volta in volta la disponibilità giornaliera. Il sito è già attivo dal 24 giugno. La regola esclude i residenti e anche i proprietari di “seconde case” non residenti a Monte Isola, così come i punti noleggio già autorizzati e in attività, le persone con ridotte capacità motorie e gli ospiti di strutture ricettive.

Le motivazioni che hanno spinto il sindaco Fiorello Turla e l’Amministrazione a prendere il provvedimento di limitazione risiedono nel forte flusso di turisti già registrato in questi primi giorni d’estate, del quale ci si aspetta un incremento nei mesi di vacanza, e nelle caratteristiche dell’isola stessa. Le strade comunali, come si legge nell’ordinanza, non risultano idonee a consentire il transito in sicurezza di un numero potenzialmente illimitato di biciclette, indipendentemente dalla tipologia e caratteristiche. La pericolosità della loro circolazione sarebbe poi accentuata dal fatto che un ciclista, per il mero fatto di essere un turista, non conosce la conformazione dei tratti stradali comunali che, in alcuni casi sono rappresentati da forti pendenze e da curve a visualità ridotta.

La decisione dell’Amministrazione comunale è stata presa d’intesa con la Società Navigazione Lago d’Iseo e intende consentire agli appassionati delle due ruote di visitare l’isola salvaguardando allo stesso tempo la sicurezza dei residenti e dei molti turisti.

Aribi (Associazione per il rilancio delle biciclette), gruppo che riunisce gli appassionati delle due ruote, ha espresso il proprio sostegno al provvedimento preso dall’Amministrazione. In un comunicato ha sottolineato: «sentita gratitudine per aver ascoltato e recepito l'istanza avanzata tempo fa. Questa associazione sostiene e intende diffondere la proposta dell'amministrazione comunale di Monte Isola, finalizzata a garantire una equilibrata e condivisa soluzione nello spirito di accoglienza proprio del luogo».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter