Sopralluogo

Antenna di Valtesse, Ruzzini: «Confronto con Wind e Tennis Club per ridurne l’impatto»

La neo assessora all’Ambiente ha incontrato una ventina di residenti ieri, giovedì 4 luglio, in via Bravi. Limitati i margini di manovra. Altri venti antenne di questo tipo in arrivo a Bergamo nei prossimi anni

Antenna di Valtesse, Ruzzini: «Confronto con Wind e Tennis Club per ridurne l’impatto»
Pubblicato:
Aggiornato:

Sopralluogo della neo assessora a Transizione ecologica, Ambiente e Verde, Oriana Ruzzini, ai piedi della nuova antenna per la telefonia, alta 30 metri, eretta a Valtesse, all’interno del Tennis Club di via Ruggeri da Stabello. Ieri, giovedì 4 luglio, alle 18, ha incontrato una ventina di residenti, accompagnata dalla capogruppo del Pd in Consiglio comunale, Francesca Riccardi, che risiede in zona.

Il Comune ha già inviato una lettera a Wind e Tennis Club per aprire un tavolo di confronto: l’antenna non è nuova, Wind aveva un altro impianto in zona, su un edificio dismesso (e ora in fase di ricostruzione), «ma quello nuovo è molto più alto e impattante». Palazzo Frizzoni non ha strumenti per regolare il posizionamento di questi impianti, ma «penso che si possa comunque fare un minimo di indagine nel quartiere, per ridurne l'impatto», aggiunge l’assessora.

Operai al lavoro sull'impianto

Ruzzini ha rassicurato i residenti sul rischio sanitario: l'impianto ha ottenuto tutte le autorizzazioni della Regione e rispetta i limiti ministeriali. Dal punto di vista estetico e paesaggistico, invece, i dubbi sul fatto di lasciare campo aperto a contratti tra privati, come in questo caso, restano. Tanto più che un’antenna di tali dimensioni potrebbe ospitare anche ulteriori pannelli, a scendere: quindi se altri operatori fossero interessati ad aggiungersi (ovviamente pagando), la struttura potrebbe diventare ancora più impattante.

«Ho contattato Devis Dori, deputato di Europa Verde, per capire se a livello ministeriale non si possa prevedere una nuova norma che dia strumenti ai Comuni», ha concluso l’assessora. Anche perché sarebbero venti le antenne di questo tipo che potrebbero essere installate a Bergamo nei prossimi anni. Nel frattempo la raccolta firme online attivata dai residenti ha superato quota 500.

Commenti
Antonio Saija

Che qualcuno accelera fino in fondo per arrivare ai suoi obbiettivi e qualcun altro in seconda battuta si domanda se è opportuno reagire e come....è già qualcosa, è meritevole ma purtroppo non è sufficiente!!

CARMEN PUGLIESE

solo dal punto di vista estetico e paesaggistico? Non pensate al danno alla salute soprattutto per chi abita proprio nei paraggi.

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali