il cantiere

Basta allagamenti nel parcheggio del Presst di via Borgo Palazzo: finito il nuovo parcheggio

L'Asst Papa Giovanni ha riqualificato l'area e realizzato nuovi percorsi di accesso ai servizi sanitari. Ora si sta lavorando per riorganizzare gli spazi nei padiglioni dell’ex ospedale neuropsichiatrico

Basta allagamenti nel parcheggio del Presst di via Borgo Palazzo: finito il nuovo parcheggio
Attualità Bergamo, 14 Giugno 2021 ore 11:45

Dove un tempo c’erano buche e ghiaia oggi sorgono centosettanta posti auto a pettine, di cui otto per disabili e sedici prioritari per le famiglie con bambini diretti alle vaccinazioni e alla neuropsichiatria infantile.

Il parcheggio nella sede del Presst in via Borgo Palazzo era un incubo per gli utenti, soprattutto nei giorni di pioggia visto che immancabilmente, con il maltempo, si trasformava in una sorta di campo minato di pozze più o meno ampie e profonde. Da sabato scorso (12 giugno) tutto ciò è un lontano ricordo, visto che sono stati completati i lavori per la sua riqualificazione e per la realizzazione dei percorsi di accesso ai servizi sanitari presenti nei padiglioni dell’ex ospedale neuropsichiatrico.

«Si tratta di un intervento atteso da tempo, che la direzione ha voluto mettere in cantiere con sollecitudine – spiega Maria Beatrice Stasi, direttore generale dell’Asst Papa Giovanni XXIII -. In più occasioni erano arrivate segnalazioni dagli utenti più fragili durante la stagione invernale o in caso di pioggia con inevitabili disagi».

4 foto Sfoglia la gallery

Il cantiere

L’intervento, durato nel complesso 110 giorni, è stato suddiviso in due lotti per consentire comunque l’accesso agli utenti del Presidio sociosanitario territoriale. Al di sotto dei nuovi posti auto sono stati posizionati masselli di calcestruzzo autobloccanti di tipo drenante e, oltre alle asfaltature e alla nuova segnaletica, è stata anche sostituita l’illuminazione utilizzando i led.

I nuovi pozzetti e le vasche per la raccolta e lo smaltimento delle acque piovane permetteranno di risolvere definitivamente le criticità che si presentavano soprattutto durante l’autunno e l’inverno.

I lavori però fanno parte di un progetto di ristrutturazione più ampio, finanziato dalla Regione con un contributo di 2,4 milioni di euro. A febbraio sono stati riorganizzati gli spazi dedicati alle vaccinazioni ed è stata ampliata la sala d’attesa.

Il primo piano del padiglione Marzocchi, nell’ala Est, è stato adeguato per ospitare gli uffici della medicina legale. L'ala Ovest, sempre al primo piano, è stata adattata per accogliere gli uffici e commissioni delle patenti speciali, il servizio rivolto alla disabilità e fragilità, la neuropsichiatria infantile e la direzione del Presst. Entro l’estate terminerà la sistemazione e l’adeguamento alle norme di sicurezza degli spazi al piano terra, dove si trovano studi e ambulatori.

Nel padiglione 13, oltre a una riorganizzazione complessiva degli spazi, gli operai sono al lavoro per sostituire la centrale termica, bonificando il rivestimento in amianto delle vecchie tubature per il riscaldamento, la rete di distribuzione idrica e gli impianti sanitari.