Attualità
Entro il 30 aprile

Benemerenze provinciali 2022, ecco come inviare le proprie segnalazioni

Il riconoscimento a chi si è distinto nel lavoro, nella cultura e nel sociale. La cerimonia di consegna si terrà il 25 giugno

Benemerenze provinciali 2022, ecco come inviare le proprie segnalazioni
Attualità Bergamo, 23 Marzo 2022 ore 15:07

Come per gli scorsi anni, anche nel 2022 la Provincia di Bergamo procederà all’assegnazione delle benemerenze intitolate a Renato Stilliti, un riconoscimento istituito da via Tasso in memoria dell'ex dirigente, scomparso nel 2015.

Le benemerenze verranno assegnate dal presidente Pasquale Gandolfi il prossimo 25 giugno (anniversario della nascita dell’ingegner Stilliti), nel corso di una cerimonia ufficiale nella sede di via Tasso, a persone, enti e soggetti pubblici e privati che si sono distinti per aver giovato alla comunità bergamasca mediante azioni e progetti di vario tipo.

Le categorie per cui verranno assegnate le benemerenze sono sei e, nel dettaglio, sono "Coesione sociale", "Sostenibilità ambientale", "Protagonismo giovanile", "Mondo della scuola, della cultura e dello sport", "Valorizzazione del territorio" e "Mondo del lavoro".

Come inviare le segnalazioni e svolgimento della valutazione

Le proposte di concessione delle benemerenze, contenenti la motivazione e gli altri elementi utili alla loro valutazione, dovranno essere inoltrate in busta chiusa e con l’indicazione sulla stessa della dicitura “Proposta di benemerenza provinciale” entro e non oltre il 30 aprile. Lo potranno fare i sindaci e i consiglieri comunali bergamaschi, i membri della provincia, le aziende, le associazioni, gli enti e anche i cittadini.

Le segnalazioni ritenute meritevoli insieme alle motivazioni potranno essere inviate entro il prossimo 30 aprile all’indirizzo pec della Provincia protocollo@pec.provincia.bergamo.it o in alternativa, per chi non possedesse una casella di posta certificata, a presidenza@provincia.bergamo.it.

L’Ufficio di presidenza provvederà all’istruttoria delle proposte, avvalendosi anche della competenza tecnico-giuridica della Segreteria Generale. Le proposte saranno poi trasmesse al presidente, che delibererà l’assegnazione allegando una relazione con le sue motivazioni.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter