Caravaggio

Bimbi sparpagliano indumenti sul monumento, il Comune minaccia sanzioni ai genitori

Il sindaco: "Se a quell'età io avessi anche solo pensato di farlo, porterei oggi ancora i segni indelebili dell'intervento pedagogico di mia mamma"

Bimbi sparpagliano indumenti sul monumento, il Comune minaccia sanzioni ai genitori
Attualità 28 Luglio 2021 ore 12:26

Sparpagliano indumenti sul monumento al generale "Carlo Alberto Dalla Chiesa" ai giardinetti di viale Papa Giovanni XXIII di Caravaggio, senza che i genitori battano ciglio. Le telecamere tuttavia hanno ripreso sia i bambini che i loro distratti familiari, verso i quali è indirizzata una sonora "lavata di capo" dal sindaco Claudio Bolandrini.

Indumenti sul monumento

I piccoli, ieri sera, lunedì 26 luglio, devono aver preso il monumento per un attaccapanni e così, trovata una borsa piena di vestiti lasciata per essere raccolta da qualche associazione benefica, hanno pensato bene di stenderli... Un gioco innocente, probabilmente. Ma non è stata invece ritenuta così innocente invece la mancanza di custodia da parte dei genitori, seduti sulle panchine a fumare e chiacchierare tra loro. Che non ci si possa arrampicare sui monumenti sembra scontato e quindi tanto meno appendervi degli indumenti, ma non per tutti.

Ripresi dalle telecamere, sanzioni in arrivo

Stamattina, non appena segnalata la situazione, la Polizia locale ha provveduto a far ripulire tutto e a visionare le immagini delle telecamere.

"Abbiamo ricostruito l'accaduto con le immagini del sistema di videosorveglianza e ora stiamo risalendo all'identità dei responsabili - ha spiegato il sindaco Claudio Bolandrini - Trattandosi di bambini le sanzioni relative saranno contestate direttamente ai genitori responsabili di non aver adeguatamente accudito i propri figli al parco e di non aver impedito o posto rimedio a quanto hanno fatto. Il presidio del territorio da parte delle Forze dell'ordine è costante e si avvale sia del sistema di videosorveglianza che di pattugliamenti serali che sono stati potenziati. Purtroppo, come in questo caso, spesso la ragione di atti simili è la mancanza di un'adeguata educazione ricevuta dai genitori... Se a quell'età io avessi anche solo pensato di stendere per gioco dei panni su un monumento porterei oggi ancora i segni indelebili dell'intervento pedagogico di mia mamma".

Aggiornamento: il Comune ha preso in considerazione nella giornata di oggi l'idea di  sanzionare i genitori, per poi, invece, decidere sulla base della norma vigente di limitarsi a un sonoro rimprovero.

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola venerdì 30 luglio.