Attualità
Nuovo sistema

Carenza medici, Ats sospende tutte le Cad. Dal 4 luglio attivo un call center per i pazienti

Chiamando il numero indicato (in base alla zona), le persone verranno mandate dal dottore più vicino per un visita

Carenza medici, Ats sospende tutte le Cad. Dal 4 luglio attivo un call center per i pazienti
Attualità 02 Luglio 2022 ore 16:27

Ats Bergamo ha informato nei giorni scorsi i sindaci che, a partire da lunedì 4 luglio, non sarà più attivo alcun servizio Cad (Continuità assistenziale diurna), una sorta di guardia medica diurna che Ats attivava sui territori rimasti scoperti di medici di Medicina generale. Quanto avvenuto a Treviglio e dintorni le scorse settimane ha messo infatti in luce un problema: c'è carenza anche di professionisti disponibili a lavorare nelle Cad.

Ats Bergamo ha dunque deciso di dare vita a un sistema di assistenza diffusa. E una nota, diffusa oggi (2 luglio), spiega meglio il funzionamento del nuovo sistema. Sono stati attivati un servizio telefonico e un sistema informatico dedicati a visite ed emissione di ricette. Il call center prenderà in carico il paziente: gli operatori fisseranno direttamente l’appuntamento nell’ambulatorio logisticamente più vicino al paziente. Il medico visualizzerà la prenotazione nella sua agenda e le prestazioni verranno erogate a partire dal giorno successivo.

Il servizio telefonico sarà attivo da lunedì 4 luglio. Ecco i riferimenti e gli orari in base al territorio:

L'unica Cad che resterà attiva ancora per la prossima settimana (fino all'8 luglio) è quella di Treviglio, che sarà operativa dalle ore 9 alle 15, previo appuntamento telefonando dalle ore 9 alle 12 ai numeri 3357238649 - 3316166052.

Poi, dall'11 luglio, anche questi assistiti potranno contattare gli stessi numeri di telefono, come esposto nella tabella soprastante: gli operatori indicheranno a quale medico rivolgersi e questo evaderà le richieste di visite ed emissione ricette, sempre a partire dal giorno successivo.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter