la lettera

Degrado in stazione, il sindaco di Seriate scrive a Rfi e Ministero: «Stato d'abbandono inaccettabile»

Per mettere in sicurezza il sottopassaggio ferroviario Rfi ha investito circa 1,5 milioni di euro: «Non si possono investire soldi pubblici per peggiorare un servizio, tanto valeva non fare nulla»

Degrado in stazione, il sindaco di Seriate scrive a Rfi e Ministero: «Stato d'abbandono inaccettabile»
Attualità Seriate, 08 Luglio 2021 ore 12:01

Dopo la segnalazione arrivata dal capogruppo di Sinistra per un’altra Seriate Marco Sironi, anche il sindaco Cristian Vezzoli ha deciso di denunciare lo stato di incuria e degrado in cui versa la stazione ferroviaria cittadina.

Ascensori rotti, bagni inagibili, odore pungente di urina, scarsa manutenzione e mancanza di personale sono soltanto alcune delle criticità evidenziate in una lettera che il primo cittadino ha inviato a Rfi – Rete Ferroviaria Italiana e al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Enrico Giovannini.

«La stazione ferroviaria versa in pessime condizioni da troppo tempo, priva di manutenzione e pulizia – sottolinea il sindaco -. I cittadini segnalano di continuo la situazione di incuria e Rfi ne è al corrente. Per questo motivo ho inviato una lettera alla società e al Ministero, perché il degrado sta diventando inaccettabile. È assurdo che da quando è stato realizzato il sottopasso la situazione sia solo peggiorata. Non si possono investire soldi pubblici per peggiorare un servizio, tanto valeva non fare nulla».

7 foto Sfoglia la gallery

Nella lettera, con materiale fotografico allegato, emerge lo stato dell’arte. La pavimentazione e i gradini presentano macchie di sporcizia, i gradini sono rotti o scheggiati, le barriere di protezione in acciaio inossidabile presentano macchie di ruggine. Nel sottopasso si trovano escrementi e odore di urina, la sala d’aspetto è sporca, entrambi gli ascensori non funzionano e i cui vetri sono scheggiati, l’unica obliteratrice è fuori uso da tempo. Infine, il vecchio magazzino è in condizioni fatiscenti e le telecamere, promesse due anni fa, non sono mai state installate.

Tra le cause di questa condizione d’incuria c’è la mancanza di personale preposto a custodire la stazione, che di conseguenza risulta abbandonata. «Lo stato d’abbandono è inaccettabile anche per il fatto che Rfi ha investito, poco tempo fa, circa un milione e mezzo di euro per realizzare un sottopasso – aggiunge Vezzoli -, salvo poi disinteressarsi completamente delle condizioni dei luoghi e della sicurezza delle persone».

«Vi invito a prendere provvedimenti immediatamente con un intervento di pulizia e riqualificazione generale della stazione, garantendo una costante e regolare manutenzione nell’interesse principale dei passeggeri e dei seriatesi – conclude -. Avverto che, in difetto, sarò costretto ad adottare gli opportuni provvedimenti a tutela del decoro della città e della salute dei residenti».