Attualità
il progetto di recupero

Ex cinema Nuovo: risposte entro fine anno, oppure Conad cercherà altri spazi

Conad vorrebbe realizzarvi un nuovo supermercato, con un ristorante al primo piano. Il progetto è stato presentato dal 2017, ma da allora è fermo

Ex cinema Nuovo: risposte entro fine anno, oppure Conad cercherà altri spazi
Attualità Bergamo, 13 Dicembre 2021 ore 10:16

O la situazione si sblocca entro la fine dell’anno, oppure Conad potrebbe cercare altri spazi per aprire un nuovo supermercato in città, abbandonando di fatto il progetto per riqualificare l’ex cinema Nuovo.

Due mesi fa la dirigenza della società di grande distribuzione si aspettava dai proprietari dell'edificio tra largo Belotti e via Verdi una risposta entro la fine di ottobre. Risposta che però non è arrivata, allungando ulteriormente i tempi d’attesa per il recupero dell’immobile.

L’avvocato Giorgio Nosari, uno dei proprietari, ha spiegato a L’Eco di Bergamo di essere in attesa di capire se, grazie alla prossima Finanziaria, si potranno godere di bonus legati alle ristrutturazioni. Incentivi che permetterebbero di dare l’ok definitivo all’offerta di Conad. Dal canto suo Ivano Ferrarini, amministratore delegato di Conad Centro Nord, ha fatto capire che l’attesa dura ormai da troppi anni e che va presa una decisione.

L’annuncio dell’arrivo del nuovo supermercato risale al 2017: un’operazione del valore di 2 milioni di euro da portare a termine entro quell’anno. Ad oggi però non c’è traccia nemmeno delle impalcature per l’avvio del cantiere, mentre peggiorano però le condizioni dell’edificio abbandonato.

La proposta avanzata da Conad per la creazione di un punto vendita dedicato alle eccellenze enogastronomiche italiane prevede un contratto di affitto per nove anni. La società, inoltre, sosterrà parte del costo dei lavori di ristrutturazione dello stabile, che al primo piano dovrebbe accogliere anche un ristorante. L’obiettivo resta quello di chiudere la patita entro il 2023, anno in cui Bergamo e Brescia saranno Capitali italiane della Cultura.