Esagerazioni

Farina e uova in strada per la maturità al liceo Amaldi di Alzano: i residenti protestano

Settimana scorsa, chi abita in zona ha lamentato puzza e insetti per i residui di cibo e vino. Il sindaco ha inviato una pattuglia della locale

Farina e uova in strada per la maturità al liceo Amaldi di Alzano: i residenti protestano
Pubblicato:

di Elena Conti

Festeggiare la maturità è un momento speciale, da condividere con i parenti e gli amici, ma rischia di trasformarsi in qualcosa di spiacevole per la comunità nel momento in cui l’euforia prende il sopravvento e i comportamenti diventano esagerati.

È successo al liceo Amaldi di Alzano Lombardo in questi giorni; alcuni cittadini alzanesi hanno manifestato il proprio disappunto sui social e si sono anche rivolti al sindaco via mail per portare alla sua attenzione la presenza di farina, vino, uova e pomodori su via Locatelli, di fronte all’ingresso della scuola. Una situazione, purtroppo, che si verifica da un po’ di anni e alla quale non si riesce a porre definitivo rimedio, nonostante gli appelli delle autorità.

Sui social il primo cittadino Camillo Bertocchi ha stigmatizzato questi comportamenti negativi in un post: «Festeggiare facendo danno agli altri - scrive - non è da persone mature, ma da stupidi».

«Avevo contattato la dirigenza e i rappresentanti di istituto e degli studenti già due mesi fa - afferma -, proprio per avviare in anticipo un’opera di sensibilizzazione tra gli studenti in vista della maturità. Ma settimana scorsa mi sono giunte segnalazioni inequivocabili, così abbiamo inviato una pattuglia di polizia locale a sorvegliare l’area, in modo tale che facesse da deterrente. Come ho scritto nel post su Facebook, non è mia intenzione essere bacchettone e farne una questione di Stato: sono stato giovane anch’io, festeggiare è lecito. Qui però c’è il rischio che si crei una situazione anti-igienica: i vicini lamentano la puzza e gli insetti attorno ai resti di cibo e di bevande lanciati per strada, e i costi di pulizia non sono pochi».

«Così ho contattato nuovamente il liceo affinché continuasse la campagna di sensibilizzazione, anche se mi pare che alcuni ragazzi fatichino a comprendere che si tratta di un’esagerazione da evitare per ragioni di decoro e igiene (...)

Continua a leggere sul PrimaBergamo in edicola fino a giovedì 11 luglio, o in edizione digitale QUI

Commenti
Massimo

E meno male che hanno studiato....

Marcello

Basterebbe Dar loro una ramazza e mandarli a pulire le strade che hanno sporcato. Certo che se in famiglia gli hanno sempre lasciato fare quello che vogliono e non hanno mai imparato a tenere in ordine la loro stanza, ci deve essere qualcuno che con le cattive gli insegna come si vive da persone civili, negli spazi collettivi!

Beppe

Se questi sono maturi siamo proprio a posto...

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali