Attualità
Nella Bassa

Fondi Pnrr, 40 milioni per la rete idrica e il Consorzio con i sindaci inaugura il vallo colleonesco

Beneficiario dei fondi il Consorzio di bonifica della media Pianura Bergamasca, che nel frattempo ha terminato l'opera, inaugurata nel Comune di Martinengo

Fondi Pnrr, 40 milioni per la rete idrica e il Consorzio con i sindaci inaugura il vallo colleonesco
Attualità 04 Ottobre 2021 ore 14:24

Ben 40 milioni di euro, sui 500 disponibili del Recovery Fund per il comparto idrico, se li è aggiudicati il Consorzio di bonifica della media Pianura Bergamasca.

Le risorse destinate a progetti nel settore in Lombardia sono cinque, di cui quattro sono della nostra provincia: saranno destinate all'efficientamento dei pozzi della rete, alla manutenzione straordinaria della galleria del canale Adda Cherio e al sistema di telecomando delle derivazioni del fiume Serio.

Lo hanno reso noto gli stessi responsabili, in occasione dell'inaugurazione dei lavori del vallo colleonesco a Martinengo, lo scorso sabato 2 ottobre, a cui erano presenti il sindaco Mario Seghezzi, il primo cittadino di Cavernago Giuseppe Togni, il presidente del Consorzio Franco Gatti, il direttore generale Mario Reduzzi e Giovanni Malanchini, consigliere regionale e segretario dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio della Lombardia.

3 foto Sfoglia la gallery

Si tratta di un progetto concepito nel 2015 e avviato quest'anno, che è costato 3 milioni di euro, stavolta finanziato dallo stesso ente: lo scopo è quello di convogliare l'acqua piovana per evitare allagamenti, garantendo invece nelle stagioni più secche la portata d'acqua. Oltre a questo, l'area interessata sarà anche riqualificata dal punto di vista paesaggistico: nello specifico, i lavori interesseranno i Comuni di Martinengo, Cavernago, Ghisalba, Cortenuova e Romano di Lombardia.

Quella che una volta era la roggia Martinenga è stata ripristinata, in un tratto che va dalla derivazione a Cavernago (Cascina Isotta) fino al Fosso Bergamasco di Romano. Il sindaco di Martinengo, Mario Seghezzi, ha spiegato al Corriere della Sera Bergamo che il cantiere per la camminata, nella loro zona di competenza, dovrebbe partire nel 2022, durerà circa 6-7 mesi è avrà un costo pari a 900 mila euro (400 mila li metterà il Comune, gli altri la Regione): si realizzeranno aree verdi, la pavimentazione e l'illuminazione.