Attualità
Cittadini in festa

Gandino sull'attenti: l'abbraccio festoso della comunità per i 90 anni del Gruppo Alpini

Dopo il prologo di sabato 9 luglio, la radiosa domenica di sole si è aperta con l'alzabandiera e la sfilata lungo le vie del centro storico

Gandino sull'attenti: l'abbraccio festoso della comunità per i 90 anni del Gruppo Alpini
Attualità Val Seriana, 11 Luglio 2022 ore 16:16

Un corale abbraccio festoso, in un'indimenticabile giornata vissuta fra ricordi e rinnovato entusiasmo. Sono stati particolarmente intensi e partecipati a Gandino i festeggiamenti per il 90° di fondazione del Gruppo Alpini, nato nel 1932. Dopo il prologo di sabato 9 luglio (con cerimonie a Barzizza e Cirano, messa alla Tribulina dell'Uccellino e concerto di Coro Penne Nere Almè e Civico Corpo Musicale di Gandino), la radiosa domenica di sole si è aperta con l'alzabandiera davanti alla scuola primaria e la sfilata lungo le vie del centro storico.

11 foto Sfoglia la gallery

Tantissimi i cittadini in strada ad applaudire, così come i tricolori esposti fra piazze e palazzi. Il corteo, aperto dal Vessillo Sezionale, era animato da rappresentanze di tutte le associazioni locali, dai gagliardetti e dalle delegazioni di tutti i gruppi della Val Gandino e di Torre Boldone. La parte del leone l'hanno fatta ovviamente gli Alpini locali: rappresentano uno dei gruppi più corposi dell'intera provincia di Bergamo e hanno proposto il grande, storico bandierone. In piazza Vittorio Veneto si sono tenuti gli onori ai caduti e i discorsi ufficiali, aperti dal capogruppo Giovanni Rudelli e ben coordinati da Giovanni Locatelli nelle vesti di cerimoniere.

Il sindaco Filippo Servalli (claudicante per un recente infortunio e per questo rappresentato in corteo dalla vice Cristina Maccari) ha ricordato gli innumerevoli valori che, nel concreto di una comunità, gli Alpini sanno mettere in campo «anche e soprattutto» nel momento del bisogno. Dopo il saluto del coordinatore di zona Giovanbattista Colombi, il consigliere sezionale Andrea Bresciani ha portato il saluto degli Alpini di Bergamo. «Sotto i cappelli degli Alpini andati avanti che oggi sfilano e sotto i cappelli dei Caduti, ci sono uomini che continuano a essere tra noi con il loro esempio, invitandoci a trasmettere ai giovani esempi virtuosi che un servizio di leva, anche civile, potrebbe e dovrebbe rafforzare». Il parroco don Innocente Chiodi ha impartito la benedizione e celebrato la successiva messa in Basilica.

4 foto Sfoglia la gallery

In prima fila c'erano i familiari dei cinque capigruppo che hanno caratterizzato la storia del gruppo: Giacomo Hallmayr, Gigino Rudelli, Angelo Moro, Luigi Piazzini e Fabrizio Nodari, morto a dicembre. Oltre ai loro cappelli, c'erano anche quelli di tanti "semplici" Alpini gandinesi, che i familiari hanno ricordato con orgoglio e commozione. La grande giornata di festa si è chiusa con il rancio ufficiale presso il Convento delle Suore Orsoline.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter