Attualità
Piazza verde

Inaugurato “Il giardino dei pensieri felici” di Osio Sopra

Il sindaco Edilio Pelicioli: «Proprio come una madre regala la vita ai propri figli, così la nostra Amministrazione ha deciso di donare questo giardino, che sia rinascita per il nostro Paese»

Inaugurato “Il giardino dei pensieri felici” di Osio Sopra
Attualità Osio Sotto e Osio Sopra, 10 Maggio 2021 ore 01:59

di Marta Belotti

Si chiama “Il giardino dei pensieri felici” la nuova piazza verde di Osio Sopra, come proposto dalla sezione rossi della scuola dell’infanzia del paese. È stata inaugurata nella mattinata di ieri, domenica 9 maggio, dando seguito a uno dei primi eventi resi possibili dalla zona gialla, in forma di manifestazione statica, con norme per il distanziamento.

Il tutto, senza rinunciare all’accompagnamento del Corpo Musicale San Donato di Osio Sotto e a momenti focali come il discorso di inaugurazione del primo cittadino Edilio Pelicioli e la benedizione di don Luca.

6 foto Sfoglia la gallery

«Quella di oggi vuole essere una giornata che si faccia segno e un augurio per una imminente ripresa e ritorno alla socialità, che in questo anno e mezzo abbiamo scoperto non essere scontata. Questa piazza verde rappresenta un grande obiettivo centrato dalla nostra Amministrazione, che ne aveva fatto un punto centrale nella campagna elettorale, ma soprattutto per i cittadini, che avranno l’opportunità di viverla. Il primo pensiero va ai commercianti, del centro e non, affinché la piazza così sistemata possa diventare teatro e cornice di eventi, come la sagra di ferragosto, o anche semplicemente luoghi quotidiani di promozione e valorizzazione di quanto il nostro territorio è in grado di offrire - conferma il primo cittadino, che nel suo discorso inaugurale di domenica 9 maggio non ha potuto non ricordare le mamme -. Proprio come una madre regala la vita ai propri figli, così la nostra Amministrazione ha deciso di donare questo giardino, che sia rinascita per il nostro Paese».

Un intervento costato tra i 20 e i 25 mila euro nella volontà di creare uno spazio condiviso e condivisibile da tutti, completato a due anni dall’insediamento della Giunta Pelicioli.

«Come assessorato all’istruzione, ho pensato di coinvolgere i bambini più piccoli, ovvero quelli della primaria e dell’infanzia,  per proporre il nome da dare alla nuova piazza - ha aggiunto l’assessore alla Cultura e all’istruzione Nicola Cagliani -. I titoli arrivati ci hanno sorpreso, perché tutti molto belli e calzanti. È stato estremamente difficile decidere, ma alla fine abbiamo optato per il nome che meglio sembrava raccontarci della voglia di rinascita, che pervade tutti. Abbiamo coinvolto i più piccoli perché sono loro i cittadini del futuro, ai quali questa piazza è stata donata, che dovranno curarsi e preoccuparsi di conservarla, custodirla e rispettarla».