Attualità
La celebrazione

Intitolato a Rosario Lupo, medico morto di Covid, il centro medico legale dell'Inps di Bergamo

Il medico morì il 23 marzo 2020. All'evento ha partecipato anche il presidente nazionale dell'Istituto, Pasquale Tridico

Intitolato a Rosario Lupo, medico morto di Covid, il centro medico legale dell'Inps di Bergamo
Attualità Bergamo, 19 Maggio 2022 ore 17:39

Oggi, giovedì 19 maggio, è stato intitolato a Rosario Lupo, medico legale dell'Inps scomparso il 23 marzo 2020 a causa del Covid, il centro medico legale dell'Istituto di Bergamo, riaperto dopo i lavori di ristrutturazione che hanno coinvolto la sede cittadina.

Amici, parenti e colleghi hanno riempito la sala e il ricordo di Lupo è stato commosso. La moglie, con voce tremante, ha ricordato chi ha voluto rendere omaggio al medico, palermitano d'origine e bergamasco d'adozione, mentre il silenzio durante la benedizione del prete è stato rotto soltanto dal pianto dei figli di Lupo.

Rosario Lupo

All'evento ha partecipato anche il presidente dell'Inps, Pasquale Tridico. «Essere qui oggi a Bergamo ha per me un valore simbolico molto importante - ha detto -. Inauguriamo un centro medico legale e lo dedichiamo a un nostro medico che è morto durante la pandemia. Così come altre 14 persone, impiegate Inps, che sono morte in un periodo tragico per la storia del nostro paese nel quale l'Istituto ha dato il cuore e un grande contributo per gestire milioni e milioni di prestazioni in tutta Italia».

«Rosario Lupo era il primario coordinatore medico legale che, oltre a Bergamo, aveva la responsabilità anche di altri centri - ha invece detto Giovanni Di Monde, direttore regionale dell'Inps Lombardia -. Era un uomo che ha profuso notevole impegno professionale nell'Istituto, si impegnava sempre, su tanti versanti. Ha svolto sempre un ruolo propositivo nell'ambito dell'attività ma, al contempo, ha allacciato rapporti professionali con i colleghi, lasciando un segno indelebile nella memoria e negli affetti di tutti. L'Inps ha voluto dare una dimostrazione di riconoscimento nei confronti di queste persone che, con il loro lavoro, si sono dedicate agli altri fino all'ultimo e hanno pagato il prezzo più alto».

Per Raffaele Migliorini, coordinatore generale medico legale Inps, «Rosario Lupo è stato la testimonianza di come tutti i medici siano stati in prima linea per combattere una guerra, forse la guerra più giusta, cioè quella contro le malattie e la sofferenza. Rosario è uno di questi. Questa è una città martire, che però ha dato il tempo al resto del Paese di organizzarsi, è una linea del Piave. In questo momento la mia presenza non è simbolica ma reale e rappresenta la volontà dell'Inps di essere al fianco di Rosario Lupo, medico legale di valore, di grande onestà intellettuale e professionale».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter