Attualità
Per far posto al Palasport

L'abbattimento del PalaCreberg? «Un autogol nell'anno di Bergamo Capitale della Cultura»

Il teatro funziona e l'offerta di spettacoli popolari è apprezzata. La protesta di Walter Alborghetti, organizzatore di eventi

L'abbattimento del PalaCreberg? «Un autogol nell'anno di Bergamo Capitale della Cultura»
Attualità Bergamo, 23 Luglio 2022 ore 09:15

di Andrea Rossetti

Sport batte cultura 1-0. E, per qualcuno, è una sconfitta che fa ancora più male, dato che si concretizzerà nel 2023, proprio l’anno in cui Bergamo sarà Capitale italiana della Cultura insieme a Brescia. Ma Palazzo Frizzoni ha preso la sua decisione: il PalaCreberg di via Pizzo della Presolana, dal 2004 teatro “popolare” cittadino, tra un anno verrà demolito per lasciare posto a un nuovo Palazzetto dello Sport che diventerà casa del basket e della pallavolo bergamaschi, ma pure della scherma e del tennis.

Il cambio di rotta

La notizia circolava già da un po’, cioè da quando le società sportive locali avevano reso note tutte le loro perplessità sull'ipotesi di andare a giocare nella grande Arena Chorus Life in costruzione. I problemi erano molteplici: incastro dei calendari su solo sessanta date messe a disposizione (tante erano quelle lasciate al “pubblico” dalla proprietà privata), il fatto di giocare le partite casalinghe su un campo diverso da quello di allenamento e timori sui costi di gestione. E così Comune e Chorus Life si sono seduti attorno a un tavolo con l’intento di rivedere l’Accordo di Programma siglato nel 2018.

Il nuovo Accordo verrà firmato in autunno, ma intanto le decisioni prese sono già state annunciate in una conferenza tenutasi il 19 luglio: l’Arena non sarà la casa dello sport bergamasco e nell’area ex Ote non verrà costruita alcuna palestra (da cinquecento posti) destinata all'Amministrazione. In cambio, Chorus Life girerà i soldi che avrebbe investito per quella (più un’aggiunta) al Comune, che mettendo di tasca propria altri 3,5 milioni di euro circa procederà prima all'abbattimento del PalaCreberg e poi alla costruzione di un nuovo Palazzetto dello Sport da almeno 2.500 posti.

Le tempistiche di realizzazione

Si parla di un investimento complessivo di poco meno di dieci milioni. Come ha spiegato l’assessore alla Riqualificazione urbana, Francesco Valesini, la nuova struttura avrà una superficie di quattromila metri quadrati e ne libererà tremila in Chorus Life, che saranno invece occupati da un parco. Una scelta, come ha aggiunto l’assessore allo Sport Loredana Poli, anche sostenibile, dato che non ci sarà ulteriore consumo di suolo e, anzi, porterà più verde.

Il sindaco Giorgio Gori, dopo aver più volte sottolineato come il PalaCreberg sia una struttura nata come temporanea e resa solo col tempo stabile, ha poi fatto una sintesi delle tempistiche di tutta l’operazione: il PalaCreberg resterà in gestione a Promoberg fino al giugno 2023; poi il Comune procederà con la demolizione. Parallelamente, in questo anno l’Amministrazione avvierà una gara europea per i lavori di costruzione del nuovo Palazzetto dello Sport, che dovrebbero partire nell’autunno 2023 e concludersi nel giro di massimo quindici mesi, se non anche meno.

Le società sportive cittadine (ovvero Volley Bergamo 1991, Agnelli Tipiesse e BB14), quindi, giocheranno la stagione 2022/2023 (...).

Continua a leggere su PrimaBergamo in edicola fino al 28 luglio, oppure in versione digitale cliccando QUI

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter