La lettera

L'asilo di Boccaleone? Non l'hanno ancora demolito, ma va ricostruito entro novembre 2024

I lavori per il nuovo nido dovrebbero concludersi a un anno dall'inizio del cantiere, ma al momento pare si siano solo tolte le piante e scavata una buca

L'asilo di Boccaleone? Non l'hanno ancora demolito, ma va ricostruito entro novembre 2024
Pubblicato:
Aggiornato:

Da diverso tempo, grazie ai fondi europei, sono in atto dei lavori di riqualificazione, ma anche demolizione e ricostruzione, di alcuni asili a Bergamo. Edifici che quindi, in teoria, diventeranno più belli e funzionali, ma ci arriva anche segnalazione che alcuni interventi starebbero - almeno secondo qualche cittadino - andando piuttosto a rilento.

L'asilo di Boccaleone

«Vi scrivo  - comincia una lettera inviata alla nostra redazione - perché rimango perplesso sui tempi relativi alla ristrutturazione della scuola dell'infanzia di Boccaleone, in via Isabello (L'asilo nido "Il ciliegio", ndr)».

L'appalto è stato vinto dalla società Icg Srl Unipersonale, con sede a Angri, in provincia di Salerno, come consultabile dal sito del Comune. L'asilo quest'anno non ha mai aperto per l'anno scolastico 2023-2024, e i lavori sono iniziati a fine gennaio 2024. Sul manifesto esposto all'esterno della scuola, sono indicate come tempistiche di inizio lavori il 30 novembre 2023 e come fine lavori, invece di una data precisa, «365 giorni».

«Dopo alcune settimane dall'inizio dei lavori - continua il lettore -, che hanno portato principalmente alla rimozione delle povere bellissime piante e allo scavo di una buca, gli stessi risultano essere completamente fermi: siamo praticamente a maggio 2024, l'asilo non è nemmeno stato demolito e i lavori dovrebbero terminare a novembre 2024, ovvero tra sei mesi».

Difficile chiudere il cantiere a novembre

Insomma, al cittadino sembra difficile che, senza neanche aver abbattuto il vecchio edificio, si riesca nel giro di così poco tempo a costruirne uno nuovo entro la fine di quest'anno.

«Porto i figli alle vicine scuole tutte le mattine, e da diverse settimane non si vede più nessuno lavorarci. Aveva senso chiudere l'asilo per tutto l'anno scolastico, con i problemi creati ai genitori, quando da settembre a maggio hanno lavorato probabilmente per una settimana complessiva? Era necessario creare tutti questi disagi alle famiglie? A Bergamo ci sono cinque asili nido chiusi per "colpa" (ma per carità, anche per fortuna) dei soldi del Pnrr. Ho il terrore di sapere a che punto si trovino gli altri lavori».

Commenti
Marcello

Che nell"assegnazione degli appalti ci sono tante cose che non funzionano.

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali