L'accordo

Lavori linea T2 della Val Brembana, firmato il protocollo contro illegalità e infiltrazioni mafiose

Il documento siglato oggi (mercoledì 3 aprile), in Prefettura, per l'adozione di pratiche di controllo e trasparenza nella realizzazione

Lavori linea T2 della Val Brembana, firmato il protocollo contro illegalità e infiltrazioni mafiose
Pubblicato:
Aggiornato:

Firmato oggi (mercoledì 3 aprile) in Prefettura a Bergamo il Protocollo di legalità per i lavori della nuova linea tramviaria T2 Bergamo-Villa d’Almé.

Firmato il Protocollo

L’accordo è stato firmato dal prefetto di Bergamo, Giuseppe Forlenza, dall’amministratore delegato di Teb, Gianni Scarfone, dal mandatario del Rti affidatario, Sergio Milesi, dalla responsabile dell’Ispettorato del lavoro, Mirella Ferrarese e dai segretari dei sindacati Luciana Fratus per Fillea Cgil, Simone Alloni per Filca Cisl e Giuseppe Mancin per Feneal Uil.

L’accordo contribuirà al monitoraggio e vigilanza, così come all’individuazione di strumenti e attività di prevenzione, controllo e contrasto ad ogni forma di infiltrazione mafiosa e di irregolarità. Nonostante la nuova linea T2 non rientri tra le infrastrutture e gli insediamenti tenuti alla ratifica del Protocollo, Teb ha ritenuto fondamentale sottoscriverlo, dotandosi perciò di pratiche di controllo e trasparenza nella realizzazione dell’opera.

I contenuti del documento

Nello specifico, al fine di garantire più elevati livelli di prevenzione antimafia, il regime delle certificazioni verrà esteso a tutti i soggetti appartenenti alla filiera delle imprese coinvolte nelle opere e a tutte le fattispecie contrattuali, indipendentemente dall’oggetto, dal valore, dalla durata e da qualsiasi condizione e modalità di esecuzione.

L’accordo prevede la creazione di una banca dati informatica per garantire il monitoraggio degli aspetti, procedurali e gestionali, connessi alla progettazione e alla realizzazione, la verifica delle condizioni di sicurezza dei cantieri e del rispetto dei lavoratori, il monitoraggio della forza lavoro presente, specificando per ciascun addetto la qualifica professionale e il monitoraggio della somministrazione di manodopera, in qualsiasi modo organizzata ed eseguita.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali