Attualità
Novità in vista

Monopattini elettrici in sharing a Bergamo, a settembre nuovo bando: ecco cosa cambierà

Due al massimo le società operative insieme in città per massimo 1.200 mezzi. L'Amministrazione chiede poi delle postazioni "virtuali", come per la BiGi

Monopattini elettrici in sharing a Bergamo, a settembre nuovo bando: ecco cosa cambierà
Attualità Bergamo, 06 Agosto 2022 ore 13:46

Sfrecciano per la città, spesso odiati da automobilisti o motociclisti, ma anche da ciclisti che se li ritrovano sfrecciare sulle proprie piste, ma ormai nessuna città sembra più poterne fare a meno. Sono i monopattini elettrici, il cui servizio sharing a Bergamo verrà rinnovato a breve. Le attuali convenzioni sono infatti in scadenza e il Comune sta lavorando al nuovo bando per l’assegnazione del servizio, dopo la scadenza del precedente biennale.

Il nuovo bando sarà pubblicato a settembre e verrà presentato durante la “Settimana europea della Mobilità sostenibile”, dal 16 al 22 del mese. Dalla delibera di Giunta approvata qualche giorno fa si possono desumere alcuni indizi e soddisfare le proprie curiosità sulle possibili modifiche e novità che interesseranno il servizio di sharing dei monopattini dal primo gennaio 2023.

Il numero massimo di operatori contemporaneamente attivi in città sarà due, come in passato, e il tetto massimo di mezzi sul territorio a 1.200 (600+600), in leggera riduzione rispetto al bando precedente. Sarà poi il documento a fissare ulteriori dettagli, ma è probabile che venga garantita agli operatori una certa flessibilità nel numero dei mezzi a secondo della stagione e della domanda.

Novità voluta dall’Amministrazione è l’istituzione di postazioni “virtuali” come quelle sperimentate in questi mesi dalla BiGi, secondo un sistema che permette di meglio organizzare il free-floating a beneficio di un maggiore ordine dei mezzi a disposizione sulle strade della città.

Imprescindibili saranno poi le attività per favorire una corretta educazione stradale, nonché di controllo per contrastare l’uso improprio di tali mezzi, che l’Amministrazione intende realizzare in collaborazione con le società di sharing. Misure necessarie, data la frequenza con la quale, per apparente facilità di controllo e di uso, i monopattini vengono usati in modo pericoloso per gli altri utenti della strada, nonché per gli stessi guidatori.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter