Il caso

Multata per aver parcheggiato al Parking Fara salendo da Valverde: lo sfogo di una lettrice

Sanzione di 102,35 euro per essere passata in Ztl entrando in Città Alta da Porta San Lorenzo anziché da Porta Sant'Agostino

Multata per aver parcheggiato al Parking Fara salendo da Valverde: lo sfogo di una lettrice
Pubblicato:
Aggiornato:

Multata per aver parcheggiato al Parking Fara, entrando da un accesso "sbagliato". È quanto accaduto domenica 26 maggio a una lettrice, che ha ricevuto una sanzione amministrativa di 102,35 euro per essere passata in Ztl entrando in Città Alta da Porta San Lorenzo anziché da Porta Sant'Agostino, prima di parcheggiare nel nuovo multipiano.

«Quella mattina - racconta la lettrice - siamo entrati con l'auto da via Maironi, da Porta Garibaldi (noi proveniamo da Ponteranica) per accedere al glorioso Parking Fara e usufruire della facoltà concessa ex novo di violare la sacralità della Ztl purché si parcheggi a pagamento in uno dei tre parcheggi “designati” dall’amministrazione di Bergamo».

Mistero svelato dalla polizia locale?

La donna e il marito sono quindi andati in Città Alta con l'auto «per la prima volta in vita mia: di solito saliamo a piedi o con l'autobus», lasciando la macchina al Parking Fara «felici di questo nuovo privilegio: se parcheggi dove ti dico io (Comune di Bergamo), puoi entrare nella Ztl senza prendere la multa». La multa, invece, è arrivata: 102,35 euro, ridotta a 77,45 euro se pagata entro tre giorni.

«Ho chiamato l'ufficio di polizia locale di Bergamo di via Coghetti - spiega la lettrice - che mi ha chiarito il mistero: si può entrare nella Ztl purché si parcheggi a pagamenti nei tre parcheggi "titolati", ma solo entrando da viale Vittorio Veneto, non da Valverde per intenderci, "come scritto chiaramente sul cartello". Quale cartello? Quello elettronico che recita l'incomprensibile "Ztl attiva" oppure "Ztl non attiva"? Ma noi ignoranti, a forza di leggere che la Ztl c'è però puoi entrare a certe condizioni, credevamo di avere capito tutto. Invece no».

La donna, nella sua segnalazione, ha spiegato di non voler fare ricorso, «perché la questione non è giuridica, è culturale e politica: in Italia la comunicazione di ciò che è consentito e ciò che è vietato non viene fatta in modo diretto. Venendo invece all’opportunità di consentire l’accesso automobilistico in Bergamo Alta senza limiti, ma a pagamento, non è chiaro quale sia l’obiettivo».

«Se è quello di ridurre il traffico, l’esito è paradossale: si è abolita la tregua, seppur parziale, al traffico con conseguente rumore e inquinamento per alcune ore e giorni alla settimana, purché si paghi - prosegue la lettera -. Si è portato avanti il progetto di un parcheggio in una zona di Bergamo Alta che ne era priva, il Parking Fara, ma si penalizza l’utilizzo dello stesso impedendo inspiegabilmente l’accesso rapido e facile da via Valverde-Porta Garibaldi, costringendo chi proviene dalle zone a nord e ad est della città a fare un lungo giro, intasare il centro città bassa e viale Vittorio Emanuele».

«Chi ce lo fa fare di tornare al Parking Fara?»

«A me pare che tutta l’operazione annunciata e poi proclamata con le fanfare dalla passata amministrazione sia un modo per eludere la vera questione che andava e andrebbe affrontata di petto: creare accessi a Bergamo Alta, sotto forma di funicolari o ascensori, o scale mobili, alternativi ai mezzi motorizzati e che consentano però di parcheggiare alla base delle mura stesse, come si è fatto in città non meno delicate e preziose dal punta di vista storico e architettonico: Perugia e Urbino, per citarne due».

«Per concludere, ovviamente pagheremo la sanzione, probabilmente non saliremo più con l’auto in Città Alta, meno che mai andremo al Parking Fara (chi ce lo fa fare?) e tanti auguri».

Commenti
Maurizio Baroni

È un' assurdità che io che vengo da Valtesse debba andare in centro per salire da via Vittorio Emanuele, per entrare in città alta, se no piglio la contravvenzione. Il sindaco Carnevali, in campagna elettorale, ha fatto il giro dei vari rioni per comprendere le necessità dei cittadini, veda ora di chiarire questa strana situazione...

Gian

Concordo con chi afferma che sarebbe stato meglio prevedere parcheggi periferici alla base delle mura con relative risalite, evitando uno scempio inutile come quello del Parking Fara che avvantaggia solo i ricconi residenti ... Ma ormai che c'è che senso ha vietare l'accesso da Valverde visto che oltretutto ci sono già le telecamere installate x la ZTL ? Amministrazione cieca e sorda ai commenti dei cittadini ...

Mariacristina

Ma la vergogna non la conoscete? Dove è finito il leone?vogliamo saperlo?anche i giornalisti dovrebbero preoccuparsene, capire dove è finito e scrivere di questo argomento Parking semplicemente un progetto assurdo, solo soldi per l'amministrazione Gori ed ora per la nuova amministrazione sua gemella! Soldi che con quelli delle multe verranno utilizzati chissà per quale altro grandioso progetto da questi ricchi che credono che città alta e tutte le sue mura e la sua storia siano di loro proprietà, il resto dei cittadini servono solo per pagare tasse e se vogliono godere delle bellezze di BG devono pagare, pagare e solo pagare e poi vengono anche derisi perché non hanno letto bene le comunicazioni della ZTL Vergogna

Giuseppina capizzi

Per me la sig.ra ha pienamente ragione ...a cosa serve Ztl Valverde se ora i parcheggi sono tutti lì a pagamento in qualche modo si devono raggiungere. Colgo occasione per avvisare che per pagare parcheggio Fara 1 € l'ora si deve scaricare app specifica ....ma nessuno lo dice. Così noi poveri cristi ci ritroviamo a pagare 3 € ora .....e ci fregano

Giampaolo

Come è possibile che la signora abbiano saputo del nuovo parking Fara e non dell' obbligo di transito da viale V.Emanuele? È stato scritto molto chiaramente sui giornali e sui molti siti di informazione. Basta aprire il cellulare che tutti ormai abbiamo e dedicare pochi minuti e un pizzico di attenzione.

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali