Il caso

Non risponde alle mail e... resta senza pensione. Ma vi sembra giusto?

La disavventura di un invalido bergamasco. La situazione risolta grazie all’intervento di un amico che ha fatto il giro delle sette chiese

Non risponde alle mail e... resta senza pensione. Ma vi sembra giusto?
Pubblicato:

Gentile direttore,

ho letto nei mesi scorsi i vostri articoli che stigmatizzavano l’utilizzo della tecnologia informatica per ogni cosa, anche negli uffici pubblici, con danno per le persone anziane e disabili.

L’avete chiamata “Dittatura Informatica”. Voglio raccontarvi a proposito la vicenda che è capitata in queste settimane a un mio caro amico, purtroppo colpito anni fa da una grave malattia e da allora costretto in carrozzina.

Il mio amico ha ormai settant’anni, usa il telefonino, ma per molte ragioni, non soltanto anagrafiche, non è particolarmente abile nel destreggiarsi fra messaggi, whatsapp, mail e via dicendo. Devo aggiungere che è una persona sola.

Ebbene, questo mio amico si è reso conto che non percepiva più la sua pensione Inps di anzianità. Mi ha chiamato al telefono mi ha chiesto se potevo aiutarlo, se potevo informarmi. Sono andato a casa sua, gli ho chiesto che cosa stesse succedendo. Lui mi ha fatto vedere un estratto conto cartaceo della sua banca dove, in effetti, mancava l’accredito della pensione.

Giorgio - il mio amico pensionato - mi ha detto che aveva già telefonato in banca e che gli avevano confermato che la pensione non veniva più accreditata da tre mesi. Si tratta di duemila euro al mese, necessari al sostentamento, che si aggiungono a quella di invalidità (cento per cento di invalidità).

Ho cominciato a tentare di capire. Ho chiamato anch’io, per sicurezza, la banca e ho avuto conferma della mancanza dei versamenti. Allora sono andato da un amico che gestisce un Caf e Patronato, gli ho chiesto se poteva aiutarmi, gli ho spiegato la vicenda per filo e per segno.

Questo amico è riuscito a visualizzare la situazione reddituale di Giorgio, pensioni comprese. E ha confermato (...)

Continua a leggere sul PrimaBergamo in edicola fino a giovedì 9 maggio, o in edizione digitale QUI

Commenti
Gianfranco

Anni fa non vidi una mail che mi diceva di autocertificare un lavoro, effettivamente svolto, Mi furono tolti 15 milioni delle vecchie lire.

Marcello

Che aprite a fare i commenti se l'articolo può essere letto solo a pagamento? E da quello che si può leggere liberamente non si riesce a capire niente, perciò non è una cosa intelligente commentare cose che non si conoscono...

Albe

Tutto così commovente così come per niente veritiero dire che serve Red per la pensione di anzianità...

Marina Segantini

In pensione da luglio 2021, come dipendente di asst pavia. Non ho avuto ancora il tfr a me spettante. Con il.sito myinps, nessuno risponde alle mail. Ora dovrò rivolgermi ad un legale?

Massimo

In effetti si sta esagerando e non poco mettendo in difficoltà le persone. Anche in ambito lavorativo si possono creare disservizi. Ma - @Iele - non ho capito perché i valligiani, in generale, dovrebbero avere più difficoltà degli abitanti della pianura.

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali