Attualità
approvato il primo lotto

Nuovi impianti per il gas e l'acqua lungo la Corsarola: al via i lavori nel 2022

L'intervento si svilupperà su poche decine di metri nella parte iniziale di via Colleoni, tra la chiesa del Carmine e piazza Mascheroni

Nuovi impianti per il gas e l'acqua lungo la Corsarola: al via i lavori nel 2022
Attualità Bergamo, 08 Dicembre 2021 ore 15:29

Basta perdite all’impianto idrico o guasti alla rete del gas lungo la Corsarola. Tra gli interventi pianificati da Palazzo Frizzoni nel 2022 vi è anche il rifacimento dei sottoservizi nella strada che attraversa il cuore commerciale di Città Alta.

In particolare, il Comune di Bergamo ha approvato il primo lotto d’intervento, che si svilupperà tra la chiesa del Carmine e piazza Mascheroni. Poche decine di metri, dove però sono presenti impianti vecchi, spesso danneggiati, e si registrano guasti frequenti. Lo dimostrano i numerosi piccoli cantieri che negli anni si sono succeduti lungo via Colleoni, dai quali è emersa la necessità di un intervento più radicale.

“Si tratta di un’opera delicata, ma non più rinviabile – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Marco Brembilla - viste le condizioni degli impianti esistenti sotto la Corsarola. Lavoreremo nel modo più rispettoso possibile, non solo dei materiali e del contesto, ma anche degli esercizi commerciali e dei residenti, cercando di ridurre il più possibile i disagi suddividendo i lavori in lotti differenti».

Il cantiere che verrà aperto l’anno prossimo interesserà tutta la carreggiata per evitare rattoppi e disomogeneità nella lavorazione. Per garantire l’accesso a negozi e abitazioni i lavori si articoleranno in cinque fasi, evitando cantieri aperti nei mesi estivi e nel mese di dicembre, quelli con il maggior afflusso di visitatori nel borgo storico.

Il progetto del Comune, approvato in giunta la scorsa settimana, ha già incassato l’ok della Soprintendenza: gli scavi saranno meno profondi del deposito archeologico oggi noto, ma un archeologo sarà sempre presente nel caso in cui emergessero ritrovamenti d’interesse storico.

Saranno coinvolti ovviamente i tecnici di Unareti e Uniacque, protagonisti nei lavori di sostituzione degli impianti di acqua e gas. La pavimentazione verrà sistemata riutilizzando il materiale esistente, che verrà ripulito, con l’aggiunta di mattonelle in pietra nuove ma di uguale tipo, colore e dimensione. Saranno anche sostituite le caditoie e i chiusini delle fognature.